Loading color scheme

sorrisiamo...

dottori_clown.jpgC’era scritto “sorrisiamo” sul braccialetto che mi regalarono i colleghi Clowns Dottori la prima volta che ci incontrammo nel reparto di Pediatria che dirigevo...

Leggi tutto

Lunga vita ai nonni !!!

bimbo_natale_01.jpg

Siamo ben 12 milioni e mezzo solo in Italia e siamo un “esercito di volontari” che si è ritrovato, a sua insaputa, ad affrontare compiti a dir poco da supereroi.

Leggi tutto

Imparando si cresce

asilo_2.jpg

Nella vita di un pediatra l’attenzione è ovviamente sempre riservata al bambino che ti viene affidato, ma l’osservazione dei rapporti esistenti fra figli e genitori è parte essenziale per un percorso corretto di assistenza e cura.

Leggi tutto

La vera storia di Jax e Reddy

jax-reddy.jpg

Parlare delle molteplici interazioni fra genitori e figli è per me che pure sono una pediatra “esperta”, per non dire “anziana”, un argomento abbastanza fuori portata …

Leggi tutto

Quando la terra trema...

mani.jpg

Noi genitori abbiamo messo così tanta attenzione nello spiegare ai nostri figli il rispetto e l’amore per la natura e quanto essa vada accudita e difesa affinché rimanga bella ed ospitale per le generazioni future...

Leggi tutto

Il raffreddore nei bambini piccoli

bimba

Poiché il sistema immunitario è ancora in via di sviluppo, i neonati hanno una maggiore probabilità di prendere raffreddori nel primo anno di vita. Esplorano in continuazione, toccano e mettono in bocca tutto, quindi anche oggetti contaminati.

Leggi tutto

Quando è ora di partire, cosa mettiamo in valigia?

famiglia felice

Nel programmare un viaggio non pensate ai bambini né come a degli scomodi e problematici compagni né al fulcro delle vostre attenzioni ma semplicemente come a componenti di un gruppo che devono divertirsi come tutti senza stancarsi troppo e magari imparando qualcosa.

Leggi tutto

Denti sani anche per le feste!

Le feste natalizie portano in tavola tante leccornie, molte delle quali a base di dolci e zuccheri che, come ben sappiamo, non sono i migliori alleati dei denti dei nostri bambini ... e nemmeno dei nostri!

Leggi tutto

fluoro si o no?

bambina_denti_07.jpgCome si saranno chiesti molti genitori, è meglio dare o non dare il fluoro ai nostri figli? La risposta è semplice: il fluoro è un elemento benefico e la fluoroprofilassi è una strategia vincente contro la carie. 

Leggi tutto

cibi amici dei denti... quali sono?

bambina_denti_02.jpgLa nostra bocca è una macchina perfetta: il suo funzionamento è garantito per un tempo lunghissimo, a patto che che ci prendiamo cura dei denti e delle gengive in maniera costante e scrupolosa.

Leggi tutto

le afte del bambino: cosa sono e come curarle?

bambina_denti_07.jpg

All’interno della bocca oltre alla carie, che è la patologia più diffusa nell’uomo, possono presentarsi manifestazioni a carico dei tessuti molli, che costituiscono il rivestimento interno della bocca e che formano la mucosa orale.

Leggi tutto

Anche fido e micio usano il dentifricio...

dentini.jpg

Perché un cavallo nella Pampas muore a 20 anni, quando ha erba, acqua e spazi liberi senza predatori, invece che campare 40 anni?” questa la domanda di un eminente relatore ad un Convegno Odontoiatrico. La risposta:

Leggi tutto

"Mamma, mi fa male un dentino!"

bambina con mal di denti

Ecco una frase che non vorremo mai sentire dal nostro bambino! Spesso,  nonostante la nostra attenzione nell’igiene dentale, bambini di 4-5 anni cominciano ad avere alcuni dentini cariati.

Leggi tutto

L'igiene orale non ha età!

bimba che lava i denti

L'incidenza di patologie di interesse odontoiatrico, in età pediatrica così come in età adulta, resta elevata. Diventa necessario quindi promuovere interventi preventivi, primo fra tutti una corretta igiene orale quotidiana.

Leggi tutto

chi mangia bene, ci vede meglio!

bambini_cibo_07.jpgMolti problemi alla vista possono aver origine da carenze nutrizionali, in particolare vitamine e sali minerali. Cattive abitudini alimentari possono infatti compromettere il nostro occhio e la nostra vista sia nell’immediato che nel futuro.

Leggi tutto

estate con occhi sani e felici !

bimba_vista.jpg

Nella nostra mente estate significa sole, caldo e giornate più lunghe. Durante il periodo estivo le belle giornate ci spingono a stare di più all’aria aperta, a fare più attività fisica, a fare più tardi la sera per goderci il fresco, il tutto magari con le lenti a contatto indossate.

Leggi tutto

Una storia contagiosa...

bambino_allergia

Con questa storia cercherò di trasmettere notizie suuna noiosa ma curabile malattia cutanea virale, cherichiede attenzione, pazienza e “care” per i nostrifigli... oltre a intelligenti azioni di igiene preventiva. Perchè siamo noi i loro primi medici.

Leggi tutto

ascoltiamo il nostro corpo per "esserci"

zumba.jpg

Chi siamo, come pensiamo e come ci muoviamo nel mondo? Lo sguardo, il tono della voce, il movimento del corpo o il suo non movimento, danno segnali e comunicano come effettivamente siamo, al di lá di ció che dichiariamo verbalmente:

Leggi tutto

Allergia ai peli dei nostri amici a 4 zampe...

bambina_coniglio_01.jpgL’allergia è una manifestazione clinica che può coinvolgere diversi apparati, dovuta a una risposta esagerata e dannosa del sistema immunitario a sostanze normalmente innocue e ahimè, anche i nostri amici animali possono essere fonte di problemi. I più coinvolti sono quelli che vivono negli ambienti domestici: gatti, cani, criceti, conigli o che entrano a contatto con l’uomo per motivi di lavoro e sport, come topi, cavie o cavalli, per chi lavora nei laboratori di ricerca o pratica equitazione.

Il contatto diretto con l’animale può non essere necessario per scatenare la reazione allergica poiché gli ambienti dove l’animale soggiorna sono di per sé contaminati. Nelle case, gli allergeni possono essere rilevati nella polvere domestica e nell’aria; inoltre, trasportati a scuola e nei luoghi di lavoro da abiti e capelli, possono contribuire a nuove sensibilizzazioni in compagni di classe e colleghi di lavoro già affetti da altre allergie di tipo respiratorio (come quelle derivanti dai pollini e dagli acari della polvere) causandone la sensibilizzazione anche verso gli animali.

Il più importante allergene del gatto (Fel d1), tra i più coinvolti nelle reazioni allergiche, viene prodotto in quantità maggiori dai gatti maschi, particolarmente da quelli non castrati; dalle cellule sebacee si deposita sull’epidermide, sui peli e passa nell’aria sottoforma di piccole particelle (2-5 micron) che inalate possono raggiungere le vie aeree più basse. Tali particelle sono quindi potenzialmente capaci di scatenare non solo sintomi oculari e a carico delle cavità nasali, ma anche episodi di asma bronchiale.

Gli amanti degli animali che sono affetti da allergia all’epitelio di gatti e cani non devono però disperare!

Possono sottoporsi a un percorso di desensibilizzazione attraverso la somministrazione di un’immunoterapia allergene specifica con l’obiettivo di ridurre lo stato di ipersensibilità del sistema immunitario: attraverso una rimodulazione della risposta immune s’instaura una nuova tolleranza verso questi allergeni riducendo sensibilmente le manifestazioni cliniche ad essi correlati.

A questo si possono associare alcune misure d’igiene corrette per minimizzare l’esposizione agli allergeni in casa al fine di migliorare la convivenza e salvaguardare la relazione affettiva instaurata con l’animale domestico. Occorre precisare tuttavia che l’efficacia di tali misure non sono state ancora dimostrate da studi rigorosi.

L’allontanamento del nostro amato animale e la relativa igienizzazione definitiva degli ambienti rimangono le ultime possibilità da percorrere per risolvere il problema dell’allergia.

a cura dott. Pietro Galati
medico chirurgo specialista in allergologia e immunologia clinica

tutta salute con le albicocche!

verdura_01.jpg

La frutta dai mesi estivi fino all’autunno guadagna velocemente i primi posti della nostra alimentazione, dai  miti pasti light con yogurt e frutta, alle rinfrescanti macedonie fino al trionfo di frutta come ornamenti nei nostri banquet di Festa.

Leggi tutto

in forma per la primavera? è possibile!

coppia_01.jpg

Il periodo invernale ci ha lasciato qualche chilo di troppo? È arrivato il momento di rimboccarsi le maniche a darsi da fare per ritrovare una sana alimentazione che ci possa regalare anche un maggior benessere e leggerezza...

Leggi tutto

Nonni e merende d’altri tempi...

nonni_cibo.jpg

Noi mamme si sa, lavoriamo tutto il giorno e spesso i nostri figli si ritrovano a condividere alcuni pasti della giornata con i nonni, pilastri fondamentali e insostituibili delle famiglie dei nostri giorni.

Leggi tutto

Mangio bene... cresco bene!

Piramide_alimentare

Pur essendo il nostro un paese completamente “immerso” nel Mediterraneo, le abitudini alimentari italiane non sono sempre aderenti ai suggerimenti della “dieta mediterranea”.

Leggi tutto

La celiachia che cos'è'?

bambino che mangia crepe

La celiachia è una malattia autoimmune dell'intestino tenue non ha quindi origine batterica o virale ma è favorita in soggetti predisposti geneticamente.

Leggi tutto

Come prepararsi ai malanni di stagione

bimbo

Quando l'autunno è alle porte e l'inverno si avvicina il cambio a volte rapido delle temperature e delle stagioni ci pone in uno stato di sensibilità fisiologica verso le classiche malattie stagionali.

Leggi tutto

Allergia o intolleranza alimentare?

bimbi a tavolaMolti equivoci sorgono a causa di definizioni ambigue o poco chiare che fanno confondere le intolleranze alimentari con le allergie, anche se si tratta di due fenomeni completamenti diversi.

Leggi tutto

Il tocco che cura nel neonato.

bebe.jpg

Il primo senso cutaneo e vestibolare che si sviluppa è il tatto, nasce dall’ectoderma, come il sistema nervoso e la pelle ed è completo già nell’embrione a 12 settimane di vita.

Leggi tutto

Come sta la nostra colonna vertebrale?

bambino-scoliosi.jpg

I dolori alla schiena sono una cosa seria e meritano tutta la nostra attenzione. Per questo, e per prendere le giuste precauzioni in caso di difficoltà di movimento è bene conoscere al meglio le caratteristiche della nostra colonna vertebrale.

Leggi tutto

Scopriamo la riflessologia plantare: una carezza di vita

riflessologia-e-bambiniTra tutti gli organi la pelle è uno tra i primi a formarsi e, oltre ad essere il più importante sistema di protezione, è il primo strumento di comunicazione con l’esterno e insieme al cervello il più importante degli apparati.

La pelle ed il sistema nervoso si formano nello stesso foglietto embrionale. Il tatto è il senso della pelle e si forma all’inizio della

vita embrionale. Il primo completo ed importante massaggio che il bambino riceve è quello del passaggio nel canale del parto.

Tale stimolazione attiva importanti funzioni vitali. La pelle viene sollecitata a molte nuove reazioni per adattarsi ad un ambiente più complesso di quello endouterino.

La stimolazione cutanea nella prima infanzia esercita un’influenza positiva sul sistema immunitario.

Continuare a massaggiare il proprio bambino è una pratica salutare e rassicurante, grazie alle sensazioni che solo il tatto può dare. Appena nato il piccolo si trova all’improvviso in un “mondo nuovo” dove la pelle e quindi il tatto fanno da ponte tra sensazioni conosciute e altre totalmente nuove. Il contatto fisico elimina le distanze e quello stabilito dalla madre occupa un posto speciale nella vita di ognuno. La carezza è sostanza vitale e diventa indispensabile come qualunque altro elemento nutritivo che rassicura e guarisce.

I neonati ed i bambini in genere amano essere massaggiati ed apprezzano, forse più degli adulti, la Riflessologia Plantare. Questa pratica è uno strumento privilegiato per stabilire un legame tra il bambino e l’adulto. Infatti chi ha ricevuto questo massaggio da piccolo lo ricorda da grande, anche dopo molti anni!

Ha effetti rassicuranti e rilassanti, dà la possibilità di esprimere il proprio affetto ed inoltre attiva i riflessi alleviando piccoli fastidi ( irrequietezza, difficoltà ad addormentarsi, colichette gassose, e altri piccoli malesseri).

La riflessologia non sostituisce certo la diagnosi di un bravo pediatra, ma può essere di grande supporto dopo il parere del medico.

Ormai molti asili ed ospedali pediatrici praticano la riflessologia plantare per alleviare la fatica della nascita e tutti i sintomi di adattamento che i piccoli accusano nel loro primo periodo di vita.

La riflessologia è un momento di coccola, di complicità tra madre e figlio in quello che può diventare un piccolo rito prima di addormentarsi.

E’ un’esperienza piacevole non soltanto per i bambini ma anche per gli adulti che intendono praticarla, è un massaggio adatto ad ogni età e particolarmente utile durante la gravidanza.

 

a cura dott.ssa Laura Biagioni
riflessologa

 

Come possiamo riconoscere un caso di scoliosi nei nostri figli?

bambina-movimento-01Il fisico dei vostri figli può mostrarvi alcuni indizi, come per esempio le spalle a diversa altezza, il bacino sbilanciato e una o entrambe le scapole prominenti, l’anca sollevata, l’inclinazione della postura da un lato.

In presenza dei casi sopracitati è opportuno consultare uno specialista. Il medico esaminerà il paziente in tre posizioni: in piedi, piegato in avanti e disteso sul lettino in posizione supina.

Osservando il bambino in piedi, si nota l’eventuale asimmetria del livello orizzontale delle spalle, dei fianchi e dei triangoli della taglia e la presenza di eventuali deformazioni del torace e del bacino. Importante è la posizione

delle scapole che sono alte o alate per la pressione dell’eventuale gibbo costale.

Un occhio esperto evidenzia la sede della curva, il verso e l’eventuale presenza di emicurve di compenso.

Quando il bambino si flette in avanti, risulta facile valutare l’incurvamento dei processi spinosi e soprattutto l’entità del gibbo costale, che tra l’altro può essere misurata con una scala graduata.

Quando il bambino è adagiato sul lettino si può misurare la lunghezza degli arti inferiori, valutando la conformazione globale della colonna vertebrale e il trofismo della muscolatura paravertebrale. Il medico in questi casi, valuterà anche l’elasticità o il grado di correggibilità della curva, facendo compiere al paziente movimenti del capo e del tronco.

La posizione seduta è una nostra compagna quotidiana, ma è anche tra le posizioni più impegnative per la colonna. Restare seduti a lungo e in modo non corretto è tra le attività più dannose, per la nostra spina dorsale.

Come prevenire la scoliosi???

Mantenere una postura adeguata anche nei più semplici comportamenti giornalieri permette di mantenere il corpo sano… Soprattutto muovetevi spesso e non restate a lungo nella stessa posizione. Imparare a restare in piedi senza grossi sforzi è importante soprattutto per chi adotta questa posizione a lungo nel corso della giornata. E’ quindi utile allargare la base di appoggio distanziando i piedi o posando i piedi su un appoggio, cambiando spesso il piede di sostegno. Se si svolge qualche compito particolare (per esempio stirare o disegnare) è importante mantenere alla giusta altezza il piano di lavoro.

Sollevare dei pesi può provocare sforzi enormi sulla colonna. Un carico di 10 kg se sollevato in modo scorretto, può raggiungere un peso pari a oltre 500 kg all’interno del disco intervertebrale.

Il modo corretto per sollevare un peso è quello adottato dagli atleti che lo fanno per professione: piegare le gambe, mantenere la schiena dritta e mantenere il peso il più possibile vicino al corpo... buona postura a tutti !!!

 

a cura dott.ssa Sara Braghese
fisioterapista, posturologa

 

Perchè è così importante la danza per i bambini? perchè è coinvolgimento totale: corpo, cuore e spirito

bambini_ballo.jpgDanzare per i bambini può essere importante tanto quanto il voler parlare ed è necessario che i genitori siano sempre in ascolto riguardo a tale richiesta, poiché la Danza è una delle rare attività in cui il bambino si trova totalmente impegnato: corpo, cuore e spirito.

A settembre, infatti, con la ripresa delle scuole, si ripresenta ai genitori l’importanza della scelta dell’attività pomeridiana che coinvolge il bambino e lo aiuta a dare voce alle sue passioni. Proviamo quindi ad ascoltare i nostri figli, cercando di capire se si tratta di un banale capriccio o di una reale volontà di immergersi in una disciplina artistica come la danza che coinvolge a 360° grandi e piccini.

Perché scegliere la danza? Capita, in modo puro e spontaneo, che il bambino veda il movimento come un magico mezzo di comunicazione e di espressione alternativo alla parola; ed ecco che appena sente la musica non resiste al richiamo del ritmo e si lascia andare, ballando con passi di danza che sembrano solo apparentemente scomposti.

Questo accade perché, liberi da sovrastrutture sociali e culturali, i bambini possiedono un’innata capacità di organizzare il loro corpo nel movimento e vantano una libertà creativa che può essere sviluppata e ampliata grazie alla danza.

Che cos’è la danza? Non è altro che una manifestazione dell’energia vitale che si esprime attraverso il corpo ed è pertanto bella sia da fare sia da osservare. La danza ha un linguaggio del tutto speciale, ci parla di cose dette ”tra le righe”, che a volte non si riesce a esprimere con le parole e aiuta i bambini a manifestare i pensieri che accompagnano la loro crescita.

Il nostro corpo non è soltanto movimento, ma anche sentimento ed emozione, è un tramite per relazionarsi e conoscere gli altri; attualmente i bambini hanno tantissime occasioni per fare esperienze con il corpo espressivo, per es. attraverso la propedeutica, il Giocodanza, i laboratori teatrali e anche attraverso la sperimentazione e l’improvvisazione sulla musica, sempre guidati e trainati da insegnanti che hanno alle spalle anche studi di pedagogia e psicomotricità e tante ore di esperienza in sala.

Il bravo insegnante di danza si propone, non si impone e lavora in modo che il bambino sia attivo e partecipativo durante la lezione; se sarà bravo, diventerà una figura di riferimento, un maestro-amico che grazie anche all’utilizzo del gioco porterà il suo allievo a conquistare la propria creatività e unicità.

In questo primo contatto con la Danza è molto importante che la parte del divertimento non passi mai in secondo piano, perché il bambino deve essere felice di ballare! Solo lasciando intatto il proprio istinto motorio e la propria fantasia ne trarrà un grande benessere psicofisico, dando libero sfogo al suo bisogno di movimento e sviluppando allo stesso tempo un proprio linguaggio creativo e immaginario.

Lezione dopo lezione, in modo naturale e spontaneo, il bambino conoscerà il significato dello Spazio, del Ritmo e del Tempo e imparerà a entrare in relazione con gli altri e a controllare le proprie espressioni emotive, cognitive e comportamentali.

Se l’insegnante di danza avrà colpito nel segno e sarà riuscito a trasmettere all’allievo la sua forte passione per la danza, allora gli trasferirà anche la voglia di partecipare al saggio di fine anno, atto conclusivo di un anno d’impegno, sudore e fatica ma momento più atteso in assoluto dai bambini, che saranno felici e pieni di emozione nell’esibirsi di fronte al loro pubblico.

a cura di Beatrice Ragni
maestra certificata di Giocodanza®

Postura: emozione che prende forma nello spazio

bambina_desideri_02.jpgIl linguaggio non verbale del nostro corpo ci svela a noi stessi: quando un bambino cresce, scrive la sua storia con il proprio corpo.

La Postura è una chiave di lettura che unisce corpo e mente e li legge come un’unica entità. La posturologia è oggi una giovanissima branca della medicina in continua evoluzione che sta facendo passi da gigante e che vuole aiutarci in tal senso. Ma cos’è la Rieducazione Posturale?

E’ un metodo nel quale il paziente è protagonista attivo e partecipa con la respirazione e la guida del fisioterapista nell’ascolto della propria postura. Una volta presa coscienza della corporeità inizia la fase mirata al riequilibrio muscolare individuando e poi eliminando le compensazioni presenti, ossia tutte quelle strategie del corpo per fare fronte a uno stimolo (doloroso o non), reindirizzando la propria forza muscolare.

E’ un lavoro faticoso che richiede un’attiva collaborazione, costanza e determinazione e che dà risultati visibili e duraturi in breve tempo sia in termini funzionali (non ho più male, ho più forza, mi sento meglio) sia estetici, con curve più armoniose del corpo.

Si suggerisce pertanto di cominciare a partire dalla prima adolescenza (11-12 anni), mentre nei casi di dismorfismi del rachide nei bambini più piccoli (scoliosi o dorsi curvi), si ritiene abbiano più senso periodici controlli con ortopedici, fisiatri e fisioterapisti specializzati con eventuali indicazioni di percorsi psicomotori e più in generale di tanta attività fisica di esplorazione e sperimentazione.

Il grandissimo vantaggio di questo approccio è di sviluppare le potenzialità della persona invece di intervenire esclusivamente con una correzione passiva; tuttavia a volte viene indicata anche in associazione all’utilizzazione di ortesi (busti o corsetti) o di semplici apparecchi dentali.

A chi consigliare una valutazione posturale? Potenzialmente a chiunque anche semplicemente a scopo preventivo ma in particolare in presenza di dolore, in persone con scoliosi e dorsi curvi.

La perfezione non esiste, nessuno può pensare di avere una postura perfetta; è possibile però intraprendere un percorso di scoperta di se stessi, che richiede un’importante motivazione ma che può regalare grandi soddisfazioni.

a cura degli esperti del settore Neuromotorio
Centro Riabilitazione AXIA

Lo Shiatsu, semplicemente un’esperienza da provare!

massaggio.jpgIl termine giapponese SHIATSU significa “pressione con le dita”.

Per “pressione” si intende il modo in cui l’operatore (Tori in giapponese) esercita il proprio peso corporeo con l’utilizzo, a seconda del caso, del pollice, palmo, braccio o gomito, riattivando e trattando dei punti o delle zone del corpo del ricevente (Uke in giapponese). Sempre secondo la tradizione, lo SHIATSU si pratica su persone vestite e possono riceverlo tutti, ma proprio tutti, dai 0 ai 100 anni e non c’è uno “stato” particolare che possa precludere questa possibilità. Qualsiasi persona spinta da curiosità o necessità può ricevere un trattamento perché tori si adatta a uke.

La “digitopressione” è una tecnica molto efficace ed assolutamente non invasiva che coinvolge la persona da tutti i punti di vista: fisico, psicologico, emotivo e spirituale. Si potrebbe pensare che Uke abbia un ruolo puramente “passivo” mentre Tori quello “attivo” ma non è esattamente così, anzi, si può affermare che non esiste questa differenza di ruoli perché Tori e Uke sono sullo stesso piano e la loro relazione è biunivoca. Il coinvolgimento è totale!

Perché ricevere un trattamento SHIATSU? Spesso ci si avvicina allo SHIATSU a seguito di un trauma, non è raro sentir dire “voglio provarle proprio tutte”. In realtà gli effetti che si hanno ricevendo SHIATSU sono molteplici: il corpo e la mente del ricevente si attivano già dalle prime sedute e naturalmente vanno a migliorare qualcosa. In genere la parte che ha subito il trauma nei giorni successivi cambia, oppure l’umore migliora. Si può dire che il trattamento va a coinvolgere l’essere umano nel suo insieme, sul piano fisico ed emotivo, facendo in modo che le personali energie tendano a riportare naturalmente la situazione in equilibrio.

Ci si può soffermare anche su uno degli effetti meno tangibili dello SHIATSU quello relazionale. Nella maggior parte dei casi chi riceve non conosce il proprio Tori e viceversa, Uke dà fiducia ad una persona sconosciuta e non è né semplice e né scontato, soprattutto se consideriamo il contesto sociale di questi ultimi anni. Si può affermare che esiste uno scambio interpersonale: in qualità di Tori ti dono il mio trattamento e in in qualità di Uke ti dono la mia fiducia.

Lo shiatsu è un percorso personale, è un’esperienza da provare!

LO SHIATSU: CON-TATTO U-MANO.

a cura di Carlo Baravelli, Adele Sassorossi, Tiziana Trentini
operatori Shiatsu

Nutriamo bene le nostre ossa fin da piccoli...

bambini_giochi.jpgE’ fondamentale mettere nelle ossa gli ingredienti giusti fin dalla nascita per poi raccogliere i frutti in vecchiaia: una buona alimentazione comincia da bambino, NO alle merendine confezionate, SI a un bel ciambellone con ingredienti salutari e controllati... perchè?

L’osso è formato da una componente minerale della matrice extracellulare fatta principalmente da fosfato di calcio, che si organizza sotto forma di cristalli, simili ad aghi, immersi nella componente organica secondo un preciso orientamento. La componente minerale, costituita anche da fosfato, carbonato, magnesio, sodio e da una piccola quantità d’acqua, rappresenta soltanto ¼ del volume dell’osso. Tuttavia, essendo molto densa, costituisce, da sola, la metà del peso scheletrico. L’osso ha una struttura dinamica, sottoposta a un processo di rimodellamento che continua per tutta la vita. L’entità di tale processo è considerevole (circa 1/5 dello scheletro viene rimodellato ogni 12 mesi) e, come tale, richiede un buon apporto di energia. Inoltre, per sostenere il rimodellamento osseo, è fondamentale associare all’apporto calorico una buona disponibilità di minerali, soprattutto di calcio. La maggior parte della massa ossea viene accumulata entro i 18-20 anni; dopo questo periodo la mineralizzazione continua ad aumentare, seppur lentamente, fino a raggiungere il picco intorno ai trent’anni. Per questo motivo è molto importante promuovere una regolare attività fisica e un’alimentazione adeguata in età giovanile.

Il Calcio è da ottenere da verdure, legumi o cibi fortificati. Le migliori fonti alimentari di Calcio sono i vegetali a foglia verde e i legumi, anche detti “greens and beans” (verdure verdi e fagioli). Broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavoli, cavoli verdi, crucifere e altre verdure verdi sono ricchissimi di Calcio in forma altamente assimilabile, e fonte di altri importanti nutrienti. Fanno eccezione gli spinaci, che contengono egualmente molto Calcio, ma tendono a trattenerlo in modo tenace, impedendone un efficace assorbimento.

I legumi sono cibi semplici, e molti non sanno che sono ricchissimi di Calcio. Un piatto di fagioli al forno contiene oltre 100 mg di Calcio. Chi invece preferisce i ceci, il tofu o altri legumi, troverà anche in questi alimenti molto Calcio. Questi cibi inoltre contengono Magnesio, indispensabile, assieme al Calcio, per la formazione dell’osso. Per l’assorbimento intestinale del Calcio è fondamentale la presenza di vitamina D che può essere assunta con alcuni cibi (fegato, pesce e oli di pesce, uova, burro, latte e pochi altri alimenti) o essere sintetizzata nella cute. Una sua carenza determina un’inadeguata mineralizzazione della matrice ossea neoformata determinando rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti. In sostanza, quindi, la vitamina D è essenziale per aumentare l’assorbimento intestinale del Calcio assunto. Tuttavia la quantità assorbita dipende anche da altri costituenti della dieta. La biodisponibilità di Calcio è infatti limitata dalla presenza a livello intestinale di ossalati (contenuti nel cacao e nelle verdure a foglia verde come gli spinaci e la bietola), fitati (crusca, legumi, pane integrale) e dalla presenza di troppi lipidi. 

a cura dott.ssa Sara Braghese
fisioterapista

Corpo, giochi, movimento...

bambino_pesiIl percorso di educazione alla realtà “globale” corpo, giochi e movimento propone varie attività ludicoespressive rivolte a bambini e ragazzi.

Il percorso si orienta verso obiettivi di crescita personale, sociale ed educativa per sviluppare un’esperienza globale dell’essere attraverso il movimento, i giochi , i racconti e l’immaginazione.

Educazione globale significa sensibilizzare un processo di apprendimento con la finalità di coltivare nel bambino un percorso di scoperta del proprio mondo interiore, interagendo con esso a livello corporeo, creativo e immaginativo.

Le attività sperimentate

nei movimenti, nei giochi, nelle narrazioni e in qualsiasi espressione artistica, diventano percorsi vissuti per migliorare l’integrazione delle varie parti di sé; ottime opportunità dove riconoscersi ed essere testimone del proprio percorso di crescita.

A tal proposito laboratori di Yoga e Danza con alla base il gioco, educano al movimento espressivo, narrativo, immaginativo e permettono di recuperare i codici intuitivi per comunicare spontaneamente con il proprio mondo interiore, con tutto ciò che si tiene nel cuore, ma anche con gli altri. I temi fantastici, immaginari, sonori, introducono l’incontro del bambino con l’esperienza conoscitiva dove poter mettere in gioco le varie capacità sensoriali, riconoscendone le sensibilità o i blocchi per poi rinforzarle e amplificarle, diventando regista dell’opera creativa.

I bambini attraverso il movimento (capriole, camminate, salti, ecc), sperimentano la capacità senso-motoria e riconoscono le diverse qualità di movimento. Muoversi giocando permette loro di muoversi con più scioltezza e l’interazione coinvolge tutti indistintamente accogliendo la diversità di ognuno come risorsa personale e di gruppo. Il gioco getta un ponte tra fantasia e realtà, sopravvivenza e arte di vivere, di immaginare la propria storia e trasformarla, mettendo assieme capacità, possibilità personali, fattibilità ambientali e desideri.

Durante la realizzazione dell’attività è importante inserire lo stimolo musicale, che favorisce lo sviluppo di funzioni emozionali, quali l’affettività, utili per potersi collegare con il proprio mondo sensibile.

Si sa che la musica ha un effetto attivante universale che coinvolge il corpo emozionale permettendo di far emergere le memorie e i ricordi stimolando la conoscenza consapevole vissuta. Fondamentale diviene cercare di inventare il gioco del movimento per sviluppare concentrazione, dinamicità e rilassamento, ma soprattutto per auto educarsi, apprendere ed inserirsi piacevolmente senza eccessi performativi nel percorso di crescita.

Le proposte Laboratoriali del Gioco Yoga e Gioco Danza vengono condotte presso l’associazione PGM Via Santa Rita 4/a Bologna.

Alimentazione e sport nel bambino...

sportQuanti genitori hanno le idee chiare sul come alimentare i propri figli? Quanti sanno che le abitudini alimentari e sportive dell’infanzia possono determinare la differenza tra salute e rischio di malattia negli anni successivi?

Leggi tutto

Autocontrollo, sicurezza di sé, rispetto. Insegniamolo con le arti marziali!

arti marzialiLe arti marziali sono un insieme di pratiche fisiche, mentali e spirituali legate al combattimento. Originariamente utilizzate per aumentare le possibilità di vittoria del guerriero in battaglia, oggi sono una forma di percorso di miglioramento individuale e di attività fisica completa oltre che di difesa personale. Oggi le arti marziali vengono studiate per varie ragioni: per ottenere abilità di combattimento, per raggiungere una buona forma fisica, per una maggiore sicurezza nelle proprie capacità e consapevolezza dei propri limiti. Esiste una grande varietà di arti marziali che condividono un obiettivo comune: sconfiggere fisicamente una persona, o difendersi da un'aggressione fisica. La muay thai in particolare è un’arte marziale nata dalla necessità del popolo tailandese di difendersi dalle aggressioni nemiche, per questo motivo non c’è una vera e propria filosofia di gradi e cinture (come per esempio per il karate), esiste invece un rispetto quasi religioso per la tradizione rituale pre-combattimento e i relativi amuleti. Per esempio, prima di salire sul ring ogni atleta indossa bracciali (Kruang Ruang) e amuleto protettivo di forma circolare che si mette sul capo (Mongkon) ed esegue una danza rituale (Ram Muay) che in passato era utilizzata per studiare il territorio e pregare per un buon esito dello scontro, oggi invece hanno più una valenza pratica di streaching pre-gara e, perché no, scaramanzia sportiva. Oggi la muay thai, o boxe thailandese, è uno sport da combattimento che comprende una vasta gamma di colpi in piedi e tecniche di lotta corpo a corpo. Da più di vent’anni è praticata anche in Italia.La muay thai è un’arte marziale a tutti gli effetti e sviluppa notevoli capacità fisiche, autocontrollo e sicurezza in se stessi. Al contrario di ciò che si pensa, lo scopo ultimo di queste discipline non riguarda l’utilizzo della violenza ma la conoscenza di se stessi e delle proprie capacità. Dal punto di vista pedagogico le arti marziali si rivolgono ai bambini come un gioco, impostando una vasta gamma di esercizi basilari e specifici che arricchiscono gli schemi motori, migliorando quindi la loro coordinazione psico-fisica e propriocettiva. Questa arte marziale praticata a livello sportivo agonistico insegna al bambino a essere più organizzato negli impegni quotidiani e a rispettarli. L’autocontrollo e la sicurezza in se stessi diventano quindi peculiarità di molti bambini che praticano la muay thai, insieme al rispetto per il proprio avversario. Esiste poi un aspetto agonistico di questa disciplina nell’ambito del quale i ragazzi che si sentissero pronti possono cimentarsi nel confronto con altri avversari, sempre in totale sicurezza, con la supervisione di insegnanti esperti e sotto la tutela di federazioni sportive.•

a cura di Alessandra Fornari
istruttrice muay thai, campionessa italiana medaglia di bronzo mondiali Indonesia 2014

Conoscere e prevenire la scoliosi nei bambini

bambino con scoliosiLa scoliosi è una deformità che colpisce la colonna vertebrale fino a incurvarla lateralmente in modo permanente e fisso, creando alterazioni anatomiche non modificabili volontariamente. Tale deviazione è accompagnata anche da una torsione della colonna su se stessa che coinvolge, oltre alla spina dorsale, le articolazioni, i legamenti, la muscolatura paravertebrale e, nei casi più gravi, gli organi interni, ad esempio quelli cardio-respiratori, e le viscere, causando quindi problemi funzionali, oltre che estetici. Esistono diversi tipi di scoliosi.

Nella scoliosi posturale la deviazione della colonna vertebrale visibile soprattutto quando il soggetto sta in piedi. In posizione distesa, essa si riduce completamente. Le cause di questo tipo di scoliosi possono essere diverse e riconducibili, in prima istanza, alla mancanza di un adeguato movimento o al mantenimento di posizioni scorrette troppo a lungo.

Ci riferiamo, in particolare, all’ipercifosi, o “dorso curvo”, un’accentuazione della normale curvatura della colonna a livello del torace che si evidenzia mettendo il paziente di profilo. Essa è dovuta a una postura scorretta, spesso di origine familiare, che può essere corretta durante la crescita. L’ipercifosi si può associare anche a un’alterazione dei corpi vertebrali la cui causa, a parte eventuali traumi, può essere collegata a un’osteocondrosi, o osteocondrite delle cartilagini (malattia di Scheuermann). In questi casi, i sintomi sono un persistente mal di schiena e la posizione “curva” delle spalle.

La scoliosi idiopatica è una malattia a evoluzione molto rapida che si sviluppa nel corso della pubertà fino alla maturità ossea, quando gli adolescenti stanno attraversando il periodo di maggiore crescita della statura, dagli 11 ai 15 anni nelle ragazze, dai 13 ai 17 nei ragazzi. E si arresta quando l’attività delle cartilagini di accrescimento dei corpi vertebrali cessa, diventando fissa una volta raggiunta l’età adulta. Colpisce in particolare i soggetti longilinei e astenici e le ragazze che a 10 anni di età sono 10 volte più a rischio rispetto ai coetanei maschi.

Come può un genitore riconoscere un’eventuale caso di scoliosi nel proprio figlio?

La scoliosi compare in modo graduale e spesso inosservato. In genere non provoca dolori, a meno che non si tratti della forma dolorosa. Anche se è una malattia piuttosto subdola la si può riconoscere da alcuni indizi evidenti nel fisico del paziente:

•spalle a diversa altezza

•bacino sbilanciato e una o entrambe le scapole prominenti

•anca sollevata

•inclinazione della postura da un lato.

In presenza di questi segnali è opportuno ricorrere al medico per capire anzitutto se si tratta di scoliosi posturale o strutturale.

Come interverrà lo specialista sarà l’argomento del prossimo numero!!

 

a cura dott.ssa Sara Braghese
fisioterapista e posturologo

Prevenire è sempre meglio che curare!

bambino con scoliosi"Siamo tutti belli e ben fatti” diceva F. Meziérès... La salute della colonna vertebrale necessita di una particolare attenzione soprattutto durante le fasi della crescita dei bambini, per questo bisogna prevenire tutto ciò che può compromettere un buon sviluppo delle ossa della colonna e dei relativi muscoli. Le abitudini e le posture scorrette, so- prattutto durante lo studio con il computer o sui libri, sono le prime ragioni di questi problemi. Non esiste una medicina o una vaccinazione che possa risolvere tali problematiche, l’unico rimedio è fornito da un’attenta opera di prevenzione

Soffermiamoci a capire com’è fatta la colonna vertebrale: essa protegge come un astuccio il midollo spinale che scorre dentro le sue vertebre. Dalla colonna vertebrale fuoriescono i nervi, paragonabili a fili elettrici che hanno il compito di trasportare le informazioni dalla periferia del corpo al sistema nervoso centrale del nostro cervello, e ci permettono quindi di muovere il corpo. I muscolari elastici e potenti comandati dal cervello, sorreggono e fanno muovere la colonna vertebrale.

Quali sono i principali problemi che minacciano la salute della nostra schiena?
Ipercifosi o dorso curvo, è un aumento della curva dorsale nel soggetto visto di lato. Le principali cause di questo disturbo possono essere posture non corrette mantenute a lungo e trascurate, lo scarso esercizio fisico, motivi psicologici o, a volte, vere e proprie difficoltà di crescita delle vertebre. 

Iperlordosi, è una curvatura in avanti della colonna a livello lombare (si vede bene nel soggetto visto di fianco). Il bacino e ruotato anteriormente, cosi sembra che l’addome subisca uno spostamento in avanti e la pancia risulta sporgente.

Scoliosi, è in genere un problema che colpisce maggiormente le ragazze e, non provocando dolore, rischia di essere scoperto quando già si è formato in modo rilevante. La scoliosi deforma la colonna vertebrale nel periodo dello sviluppo. Può interessare la zona lombare, la zona dorsale o entrambe. 

Inizia con curve e rotazioni e conseguenti gibbi appena percettibili che si aggravano rapidamente. E’ possibile riconoscerla quando si riscontra la presenza del gibbo, che si evidenzia maggiormente flettendo il busto in avanti. 

Quale è l’atteggiamento scoliotico?

E’ una postura che all’apparenza può presentare le stesse caratteristiche della scoliosi però nella flessione del busto in avanti, invece di apparire il gibbo, i due lati del dorso sono uguali. Può essere determinato dalla debolezza dei muscoli della schiena e anche dall’abitudine ad assumere posizioni scorrette per molte ore al giorno e come al solito la scarsa attività fisica. Quindi consiglio a tutte le famiglie una maggior sensibilizzazione a questo problema . Nel prossimo numero parleremo di come prevenire la scoliosi e il mal di schiena con dei piccoli e “banali” esercizi.•

a cura dott.ssa Sara Braghese
fisioterapista

Esercizio fisico in gravidanza: pro o contro?

respirare in gravidanzaIl meraviglioso progetto di intraprendere una gravidanza, porta a livello fisico corporeo una serie di mutamenti cardiorespiratori che andrebbero monitorati, quali: l’aumento del volume sanguigno del 30/50% e della massa ematica; l’aumento del consumo di ossigeno e della frequenza cardiaca; ipoglicemia in sforzi sub-massimali in particolare nell’ultima fase in seguito all’aumentata assunzione di glucosio da parte dei muscoli, che induce la donna alla ricerca di zuccheri. 

A livello scheletrico aumenta la cifosi dorsale causata dall’aumento volumetrico e ponderale del seno; l’accorciamento dei muscoli del tratto lombare determina invece, l’aumento della lordosi lombare, spesso associato a dolore in zona bassa schiena. In gravidanza l’assetto endocrino viene a modificarsi, vi è così una  predisposizione all’accumulo di liquidi, con conseguenti fastidi alle gambe e gonfiore generalizzato.    

Il comportamento alimentare della madre influisce fortemente sulla qualità della vita del futuro bambino, infatti, le cellule adipose del feto si formano durante l’ultimo trimestre di gravidanza, il loro numero si triplica entro il primo anno di vita e cresce fino ai 10 anni circa. Un aumento ponderale oltre i 20 kg è direttamente proporzionale ad un aumento di massa grassa del feto, predisponendolo così a malattie dismetaboliche. Svolgere una regolare, moderata e guidata attività fisica nel periodo precedente e durante la gravidanza stessa, riduce le complicanze che potrebbero subentrare, accorcia il periodo di travaglio, evita il taglio cesareo, riduce la frequenza di lacerazioni tessutali durante il parto e degli aborti. 

E' consigliato quindi un allenamento studiato in funzione degli adattamenti corporei, concentrato su due tipologie di esercizi. I primi dovranno aiutare lo svolgersi del travaglio nelle fasi di dilatazione ed espulsione, come esercizi respiratori con lo scopo di ampliare la capacità toracica, rinforzare i muscoli larghi dell’addome, rinforzare ed elasticizzare i muscoli del pavimento pelvico. I secondi mireranno alla correzione delle modificazioni scheletriche come l’aumento della cifosi dorsale e della lordosi lombare. La base fondamentale del programma sarà un attività aerobica volta al miglioramento cardiocircolatorio, in completa sicurezza, seguito per tutto l’arco della sua durata da personale tecnico qualificato. Ricordiamo alle future mamme di consultare il proprio medico prima di intraprendere un qualsiasi percorso motorio.• 

a cura dott.ssa Margherita Barbi
educatore alimentare e istruttore functional training basic

Aiutiamo i nostri figli a tirare fuori il meglio grazie ai benefici dello sport

bambini_sport_01.jpg“Praticare sport in età pediatrica presenta tanti aspetti positivi: assicura un adeguato sviluppo dell’apparato scheletrico e muscolare, regola il metabolismo, favorisce la socializzazione...... e, se praticato nel modo corretto, è un’attività molto piacevole e divertente per i bambini e per i ragazzi” parola di Armando Calzolari, Responsabile Unità operativa complessa di Medicina Cardiorespiratoria e dello Sport - Dipartimento di Medicina Pediatrica - dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, uno degli ospedali di riferimento a livello internazionale per l’assistenza e la ricerca in campo pediatrico.

Sin da piccoli, i nostri figli conducono una vita sedentaria e fare sport permette di acquisire un bagaglio di esperienze motorie che sarà prezioso per tutta la vita. Infatti da grande sarà molto più avvantaggiato rispetto a chi non ha mai praticato attività fisica, perché ha strutturato una muscolatura migliore e ha “sperimentato” e formato il proprio corpo in un’età in cui si sviluppano le cosiddette capacità coordinative, come l’equilibrio e l’orientamento, e le capacità condizionali, ossia la forza, la resistenza e la velocità.

Qual è il risultato? Se anche interromperà per alcuni anni la pratica sportiva, il suo corpo conserverà memoria dei benefici acquisiti da piccolo e quando, da adulto, vorrà riprendere a fare sport o vorrà intraprende uno sport nuovo, avrà già le basi giuste per ripartire alla grande.

Di solito i genitori cominciano a far praticare sport ai propri figli intorno ai tre-sei anni. Vero è però che in questa fascia d’età non c’è molta differenza tra i vari sport, perché in tutti i casi l’approccio è ludico e non si entra nello specifico della disciplina sportiva.

Fino ai sei anni infatti non si può parlare di sport vero e proprio, ma più di esperienza del proprio corpo, in un’età in cui l’individuo è assai ricettivo ad imparare cose nuove.

Solo con il passare degli anni il bambino attraverso la pratica sportiva avrà la possibilità di sviluppare gradualmente le varie capacità fino all’adolescenza, quando certe potenzialità potranno essere perfezionate con l’allenamento e in base al proprio talento individuale (ci sarà chi è più portato verso l’equilibrio, chi verso l’orientamento, chi verso la velocità ecc.). Dopo i sei anni si assiste a un progressivo sviluppo sia del fisico che della capacità di coordinazione dei movimenti, che consente l’approccio a nuove discipline sportive, come per esempio l’atletica leggera o il basket.

Regola di base tuttavia deve continuare ad essere la stessa: l’attività deve consentire lo sviluppo armonico di tutto il corpo. Non ha senso accompagnare i figli al corso e poi lasciarli lì come a un parcheggio per approfittarne a sbrigare le proprie faccende.

Verifichiamo invece che la lezione preveda una preparazione fisica di base (sempre indispensabile, qualunque attività si pratichi), che non sia ripetitiva e noiosa, che il bambino abbia la possibilità di divertirsi e di fare davvero sport.

A qualunque età si incominci a fare sport, la figura dell’istruttore è un punto di riferimento importante per il bambino. Fino ai sei anni il piccolo atleta non ha bisogno di un semplice insegnante, che impartisca delle nozioni tecniche, ma di una sorta di “baby-sitter tecnico” che sappia entrare in empatia con lui, sappia ascoltarlo e riesca a farsi ascoltare.

Ma anche dopo i sei anni, l’istruttore continua a ricoprire un ruolo determinante - a lui spetta il compito di motivare il suo allievo, sostenerlo durante l’allenamento, ma anche interrompere, se è il caso, la lezione per fermarsi a parlare con lui e capire quali difficoltà si possono nascondere dietro eventuali insuccessi. In questo modo si instaura una relazione che va al di là del semplice rapporto tecnico e che alla fine dà i risultati migliori, perché il ragazzo va a fare sport con più piacere e un po’ per volta riesce a tirar fuori il meglio di sé.

Non solo: se si stabilisce un rapporto di fiducia diventa anche più facile far affrontare all’allievo i sacrifici che l’allenamento e l’apprendimento del gesto tecnico comportano.

a cura di Naomi Polselli

I momenti magici dell’apprendimento motorio: ogni cosa va fatta a suo tempo!

bambina che fa ginnasticaL’educazione all’attività fisica e al corretto funziona- mento del corpo inizia fin da piccoli e ci accompagna per il resto della vita influenzando scelte, stili di vita e abitudini. 

Lo sviluppo dell’uomo comprende tutte quelle modificazioni che avvengono nei diversi ambiti della sua esistenza, ovvero quello co- gnitivo, sociale, fisico e motorio che interagiscono continuamente tra loro. 

L’acquisizione di abilità motorie fondamentali, come correre e saltare, avviene nei primi anni di vita ed è altamente correla- ta con la salute del bambino

Alcuni studi hanno dimostrato che bambini  con  un’elevata  capacità di esecuzione delle abilità motorie fondamentali tendono ad essere più attivi fisicamente, presentano alti livelli di autostima e sono meno

in sovrappeso. Durante l’età evolutiva, l’apprendimento di alcune abilità motorie specifiche è più facile se avviene in determinati periodi. Passati questi, lo stesso movimento non si riesce più ad apprendere in modo agevole. Questi periodi sono chiamati momenti “magici” dell’apprendimento. Luigi Calabrese, Diplomato ISEF e sociologo, scrive: “Sembra che la maturità se non viene utilizzata, a poco a poco resti sommersa da altre forze. Ecco perché il più delle volte non si riesce ad imparare facilmente nell’età avanzata qualcosa per cui eravamo maturi molto tempo prima”. Durante questi periodi favorevoli vengono apprese anche le varianti e le possibili evoluzioni di un determinato apprendimento motorio. 

Ad esempio, un bambino di sette anni apprende facilmente una capovolta avanti e da questa passerà successivamente all’apprendimento di movi- menti che fanno parte della pre acrobatica. Un quattordicenne invece apprende la capovolta avanti in più tempo, con più difficoltà e non sa andare al di là della capovolta stessa anche per una maggiore consapevolezza del pericolo. Tra gli apprendimenti che sono stati presi in considerazione c’è il galoppo laterale con circonduzione delle braccia sul piano frontale, il cui momento magico è tra i sette e i nove anni, e l’equilibrio in movimento nelle fasi aeree e di volo che ha il suo momento favorevole tra i nove e i dodici anni. 

Legato ai periodi magici dell’apprendimento c’è il problema dell’ap- prendimento precoce. Durante l’infanzia il bambino deve sperimentare tutte le attività motorie che accrescono le sue conoscenze e non essere indirizzato solo verso un determinato sport. Ad esempio, i bambini non do- vrebbero praticare soltanto calcio e le bambine soltanto danza.

Limitare il campo a un gruppo di attività o peggio ancora a una soltanto è dannoso e controproducente. Infatti dal punto di vista motorio si otterrebbero dei risultati scarsi e dal punto di vista fisico potrebbero esserci ipermorfismi e un precoce arresto dello sviluppo.

Calabrese scrive: “l’infanzia è un periodo in cui vengono apprese regole ge- nerali di abilità operativa, di organizzazione percettiva e di interazione, che preparano a future forme di capacità umane nel campo dell’azione, della percezione e della comunicazione”. L’età evolutiva è una sorta di barriera protettiva contro una prematura specializzazione. I genitori dovrebbero spronare i figli a  praticare attività fisica non solo per prevenire il sovrappeso e l’obesità ma anche per favorire uno sviluppo armonico del corpo e l’apprendimento di tutte le abilità necessarie a un potenziale futuro atleta.•

a cura di Roberta Ludovici
personal trainer

Le arti marziali: uno sport per tutti i bambini

arti marziali per bambiniLe arti marziali comprendono un numero vasto di discipline che si sono sviluppate in luoghi e periodi diversi, e includono sia un aspetto prettamente tecnico e fisico sia una componente mentale e spirituale. Dal latino la parola "arte marziale" significa "arte di Marte", Marte dio della guerra.   Nonostante il  significato delle parole, questo tipo di sport è molto adatto ai bambini perchè asseconda il loro bisogno di fisicità e la loro energia viene incanalata secondo regole precise. I benefici principali delle arti marziali  sono  di natura sia fisica che psicologica. Tra le varie discipline, quelle preferite dai ragazzi under 11 sono il judo e il karate. Sono adatte sia per i bambini più irrequieti sia per quelli più introversi perchè sviluppano la sicurezza in se stessi, l'autostima, la disciplina e insegnano ai ragazzi a  prendere decisioni come un leader. Inoltre insegnano il rispetto delle regole, il rispetto e la cura verso gli altri perchè prima di essere un'attività fisica sono una filosofia di vita. 

Claudio Robazza, psicologo dello sport e docente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Chieti, dice:"Gli sport di combattimento potenziano disciplina, coraggio e autocontrollo. Hanno il vantaggio di richiedere il rigore nell’esecuzione e una grande attenzione per evitare di fare male a se stessi e agli altri. Inoltre, dovendo reagire alla mosse dell’avversario/compagno si sviluppa la capacità di pensare rapidamente in condizioni di rischio, mantenendo il sangue freddo". Tutte le arti marziali benchè molto diverse tra loro educano al rispetto delle regole, insegnano a dosare la forza, incrementano il controllo su se stessi e  sugli istinti personali.

Dal punto di vista fisico, nei maschi come nelle femmine, le arti marziali consentono l'apprendimento delle capacità coordinative, lo sviluppo della forza e della flessibilità e il rischio d'infortuni è molto ridotto rispetto ad altri sport. A differenza di altri sport, il gruppo di allenamento è costituito da maschi e femmine.

L'importanza della disciplina e il rispetto delle regole rende questi sport un valido supporto nella lotta al bullismo. Negli ultimi anni infatti si sta assistendo ad un abbassamento dell'età della delinquenza giovanile. Alla base di questo fenomeno c'è la mancanza di una famiglia solida che si prenda cura dei propri figli. Quindi diventa molto importante creare  un ambiente, come le strutture sportive, che sia un punto di riferimento e  dove è importante la disciplina, il rispetto delle regole e dei valori.

Le arti marziali sono adatte per i bambini a partire dai sei anni, e possono essere praticate tre volte a settimana a gioni alterni.•

a cura di Roberta Ludovici
personal Trainer

Lo sport è più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali

sport e giovaniLo sport è ritenuto uno degli strumenti più efficaci per costruire una società globale e interculturale perché ha una grande capacità di aggregazione e promuove il senso di appartenenza, lo spirito di gruppo, la tolleranza.

I sociologi lo definiscono "sport sociale", uno strumento per integrare le comunità più emarginate. Sullo sport fanno affidamento l'Unione Europea, l'ONU e il Comitato Internazionale Olimpico per educare a questa nuova società, grazie ad alcune caratteristiche dello sport, in particolare delle discipline di squadra. Il legame che si crea in una squadra è così forte che  abbatte le differenze religiose, linguistiche e il colore della pelle. 

Lo sport è fatto da regole uguali, universalmente condivise ed è perciò una base culturale comune. L'educazione attraverso lo sport è fatta di gioco e divertimento, avviene in un contesto dove il corpo e la psiche si esprimono liberamente e con creatività. Lo sport è inoltre una possibilità di riscatto sociale; e diventa un segno d'identità nazionale soprattutto in occasione di competizioni come le Olimpiadi, i Campionati Mondiali ed Europei.

Se questo è vero per la maggior parte degli sport, non si può dire altrettanto per le tifoserie, soprattutto per alcune tifoserie presenti negli stadi di calcio, dove spesso razzismo e xenofobia trovano una loro espressione. Alle frasi ingiuriose scritte sugli striscioni si aggiungono comportamenti discriminatori verso i gay, offese a giocatori per la loro provenienza etnica, metafore a sfondo razziale usate dai media.  

Lo sport dovrebbe renderci migliori. Pensare all'avversario come a un nemico fa perdere l'opportunità di imparare da chi sta facendo sport insieme a noi. Nel rugby, per esempio, c'è il terzo tempo, un incontro conviviale, un momento di socializzazione tra i giocatori delle due squadre cui partecipano anche le famiglie e i tifosi. 

La pratica sportiva unisce quando diventa il mezzo per esprimere il meglio di sè insieme agli altri. Si dice "mens sana in corpore sano", una mente sana, rispettosa di sè, degli altri e dell'ambiente che ci circonda, in un corpo sano.

Nelson Mandela, scomparso recentemente, amava lo sport perchè rispecchiava i suoi ideali di libertà e uguaglianza. Appassionato di calcio e rugby, diceva:

"Lo sport ha il potere di cambiare il mondo, ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza dove prima c'era solo disperazione. È più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione”.

Mandela sfruttò l'occasione dei mondiali di rugby del 1995 in Sudafrica per pacificare un paese ancora scosso, nonostante la fine dell'apartheid.•

a cura di Roberta Ludovici
personal Trainer

L'importanza dell'attività motoria per i bambini: come scegliere lo sport più adatto e utile a tuo figlio

bambini che giocano a rugbyOggi i bambini non hanno più le possibilità che c'erano una volta di giocare insieme, e per questo praticare uno sport diventa un' occasione importante per fare un'esperienza di gruppo che ha molti effetti positivi. L'attenzione per l'attività motoria è diversa tra le varie etnie. In occidente i genitori danno un peso maggiore allo sviluppo cognitivo rispetto a quello motorio. Nei paesi, come l'Africa, dove è necessario stimolare fin da subito l'indipendenza dei bambini, c'è più attenzione per l'attività motoria. Dal punto di vista motorio l'attività sportiva consente lo sviluppo delle capacità motorie sia coordinative che condizionali, lo sviluppo muscoloscheletrico ed è  un valido supporto nella  prevenzione dell' obesità.

Le capacità coordinative hanno il loro massimo sviluppo tra i 6 e gli 11/13 anni, prima che si attivi la pubertà. Sono regolate attraverso gli organi analizzatori del movimento che, localizzati nelle articolazioni, nei muscoli e nella cute, permettono di realizzare, grazie all’intervento del sistema nervoso centrale (SNC), movimenti efficaci ed economici.

schema attività motoria x bambiniUn altro aspetto fondamentale della motricità infantile sono le capacità condizionali. Quando parliamo di queste capacità intendiamo rapidità (di reazione, di movimenti singoli o di rapidità d’azione, massima frequenza), forza (forza rapida, capacità di salto, capacità di lancio), resistenza (di lunga durata = aerobica; di breve durata = legata alle espressioni di forza).

Sia i lavori di forza sia quelli di resistenza non sono adatti per i bambini perchè comportano degli adattamenti fisiologici non ancora presenti, e vanno ad intaccare componenti psicologiche come la resistenza alla fatica e la capacità di fissare obiettivi a lungo termine che nei bambini non sono ancora strutturati.

Il bambino è invece adatto a lavori rapidi e poco duraturi.

Lo sport, dal punto di vista psicologico, è fondamentale per lo sviluppo del carattere, l'incremeto dell'autostima e la fiducia in se stessi. Deve essere praticato con finalità ludiche, deve rappresentare per il bambino un momento piacevole di svago.

bambino che nuotaL'attività motoria non può prescindere dal gioco che è l'elemento principale di coinvolgimento dei bambini e durante il gioco lavorano divertendosi, vengono stimolati alle competizioni che debbono essere adatte alla loro età, e con le regole imparano a gestire l' aggressività.

 

Oggi nello sport è sempre più preponderante l'aspetto agonistico ma le  motivazioni per cui i ragazzi continuano a praticarlo, non sono legate all'attività agonistica ma all'ambiente accogliente e familiare che trovano. Anche se non diventeranno campioni, è importante per tutti cimentarsi in una attività sportiva per conoscere i benefici dello sport e avere un valido supporto nella vita, nello studio e nell'apprendimento.

Non tutti gli sport sono adatti a tutti, per scegliere quello giusto bisogna tenere conto di tanti fattori come l' età, la corporatura, l'indole, le preferenze personali del bambino e le sue attitudini. Un errore è orientare i bambini verso la disciplina sportiva preferita dai genitori e che rappresenta una possibiltà di riscatto per i genitori stessi.

 

La scelta dello sport si deve fare in funzione del carattere del bambino, con l'obiettivo di aiutarlo a superare le sue difficoltà: 

  • Gli sport di squadra, o di contatto, sono adatti sia ai bambini che temono il giudizio degli altri, che hanno paura di sbagliare e non hanno fiducia in se stessi sia a chi ha un atteggiamento egocentrico e spavaldo. Inoltre nello sport di squadra si impara a vivere la vittoria o la sconfitta come una esperienza di  gruppo e non un fatto personale.

  • Gli sport individuali sono raccomandati ai bambini iperattivi e irruenti dove la responsabilità del risultato non è condivisibile con gli altri e per questo occorre più disciplina, autocontrollo ed equilibrio psicofisico.

 

a cura di Roberta Ludovici
personal Trainer

La pallavolo: uno sport, una scuola di vita

pallavolo.jpgC’è uno sport dove la palla bisogna passarla. Non per altruismo, per regolamento. C’è uno sport dove il campione, anche quello più forte al mondo, da solo non serve a niente. C’è uno sport dove la squadra è il valore assoluto, dove solo la squadra ti permette di realizzare o meno i tuoi sogni. C’è uno sport dove si è costretti a muoversi in uno spazio ristretto: 81 metri quadrati, all’interno dei quali essere nel posto giusto o in quello sbagliato è una questione di centimetri che fanno vincere o perdere una partita, un campionato del mondo, una medaglia olimpica. C’è uno sport dove si segna o si subisce un punto ogni decina di secondi e la partita è una scarica di adrenalina senza soluzione di continuità, dal primo all’ultimo secondo (…) È il mio sport, la pallavolo, che dà emozioni, gioie e a volte delusioni. In una parola: passioni”cit. Andrea Anastasi

Dal 1964 la Pallavolo è presente nel programma dei Giochi olimpici, ed è sicuramente uno degli sport più praticati a livello scolastico e dilettantistico.

Essendo un gioco di squadra, la Pallavolo ha un duplice beneficio per il corretto sviluppo di un individuo e in particolare di un bambino: attività fisica e socializzazione, due fattori fondamentali nel percorso di crescita di ciascuno di noi.

Far parte di un gruppo significa divertirsi insieme ai propri compagni, con i quali si instaura un rapporto di complicità e cooperazione, all’interno di un contesto dove ci sono delle regole ben precise; collaborare per raggiungere gli obiettivi, gioire insieme per le vittorie, consolarsi in caso di sconfitta; ecc… inoltre spesso giocare in gruppo si traduce nell’acquisizione di una buona comunicazione e di una maggiore fiducia in se stessi.

L’attacco è sicuramente l’aspetto più conosciuto di un’azione di pallavolo, perché mette in evidenza l’elevazione, la forza e la dinamicità di un giocatore, ed anche perché spesso rappresenta il momento culminante del punto. Ma non esiste attacco vincente che non sia preceduto da un’alzata precisa, veloce, che spiazza il muro avversario anticipandone l’intenzione, ed a sua volta il palleggiatore dipende dai compagni che devono ricevere o difendere la palla dell’avversario.

La Pallavolo fonde quindi aspetti tecnici individuali con la tattica di squadra, ed è proprio attraverso il lavoro in palestra che ci si può continuamente migliorare, spostando sempre più avanti i propri limiti imparando a superarli. Lezione di vita molto utile ai nostri ragazzi che devono imparare ad affrontare le sfide della vita, qualunque esse siano, fin da piccoli… quale modo migliore per “allenarli”?

a cura di Giorgio Gambi

Pugilato e bambini ?!? si perchè li aiuta a crescere bene !

bambino_pugilato.jpgNel 1982 Martin ha studiato le tappe evolutive della motricità dell’individuo chiamandole fasi sensibili: esse sono rappresentate da momenti in cui una capacità, se allenata correttamente, può svilupparsi meglio rispetto ad altri periodi.

Conoscere le caratteristiche e i limiti dei bambini nelle varie fasi di crescita permette un lavoro razionale in termini d’intensità e di compiti motori da assegnare, rende l’allenamento al pugilato sicuro senza bruciare le tappe, evitando di allenare troppo presto le capacità condizionali a discapito di quelle coordinative.

Prima infanzia 2-4 anni Turgor primus, importante crescita della massa corporea caratterizzata dall’acquisizione di nuove abilità e capacità motorie. Attraverso la psicomotricità si può intervenire sulle qualità coordinative con proposte ludiche.

Seconda infanzia 5-7 anni Proceritas prima, periodo di crescita staturale, in questa fase è utile far scoprire la disciplina sportiva senza specializzare, curare le capacità coordinative quali: il senso dell’equilibrio e il controllo della lateralità, iniziare a sollecitare la rapidità. E’ l’età giusta per far conoscere le regole del pugilato e la presa di coscienza dell’avversario.

Fanciullezza 8-11 anni Turgor secundus, età dell’oro della motricità, con crescita della massa muscolare e corporea. A 8 anni il bambino è pieno di energia infaticabile nella scoperta del mondo circostante. Tra i 9 e 10 anni socializza maggiormente, collabora con i compagni, esprime una buona coordinazione, ha una grande capacità di apprendimento. A 10 anni corre perfettamente, è opportuno stimolare la rapidità, la resistenza e la mobilità articolare. Nelle lezioni di pugilato si affina la tecnica e la tattica, s’introduce lo sparring condizionato e le figure con l’insegnante.

Pre-adolescenza 11-14 anni Proceritas secunda, migliora la mobilità articolare, a 13 anni peggiora la capacità di coordinazione, per lo svi luppo staturale repentino. In questa fase è utile stimolare progressivamente: forza, rapidità, resistenza. Nel pugilato si propongono i circuiti, il corretto uso del sacco, lavoro di rifinitura della tecnica.

Adolescenza 14-19 anni, (dai 14 ai 18 per le femmine e dai 15 ai 19 per i maschi) è il periodo della Turgor tertius dove si esprimono grandi prestazioni, avvicinandosi alla quasi definitiva crescita corporea. E’ il momento più favorevole per sviluppare le capacità condizionali e quindi per specializzare l’atleta. Nel pugilato si iniziano le competizioni. Il lavoro sarà: guanti fra atleti, guanti controllati con un pugile più esperto. La successione proposta è orientata allo svolgimento di un’attività di pugilato in una dimensione educativa proiettata a ottimizzare il bambino troppo esuberante che imparerà ad accettare le regole, e viceversa a sostenere e tranquillizzare il bambino timido, che acquisirà sicurezza in se stesso.

a cura di Moreno Barbi
insegnante di educazione fisica, massofisioterapista,
Tecnico della FIP federazione italiana pugilato

“tesoro mio perché non mangi?”

bambino-cibo-03.jpgL’alimentazione insegna molto sulle abitudini che influenzano la crescita fisica e mentale dell’essere umano. I ritrovamenti archeologici legati al cibo, per esempio, forniscono elementi cruciali per delineare la formazione sociale di una comunità. 

Leggi tutto

tutti i segreti degli oli essenziali

fiori_bach.jpg

Gli oli essenziali sono parte integrante della tradizione medicale di molte culture antiche e moderne (egiziani, latini, arabi, indiani…). Così affermava già nel IV secolo Ippocrate, colui che ha gettato le basi della moderna medicina,

Leggi tutto

Il potere nascosto nella propoli

api.jpgLa propoli è una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante.

È una sostanza di origine vegetale anche se le api, dopo il raccolto, la elaborano con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi prodotti dalle api stesse.

Il colore può variare moltissimo nelle tonalità del giallo, del rosso e del nero. Il nome propoli, che può essere utilizzato sia al maschile (il propoli) che al femminile (la propoli), deriva dal greco pro “davanti” e da polis “città”:

il significato è, dunque, “davanti alla città”. Le api, infatti, lo utilizzano per difendere la loro città (l’alveare) dai pericoli che possono minacciarla: le malattie, i predatori. Il termine è stato usato da Plinio il vecchio nella sua Naturalis Historia e da Aristotele in vari scritti.

Questa è la sua composizione chimica: resine, cere, olio essenziale, polline.

Per quanto riguarda la sua efficacia sulla salute del corpo umano, la propoli è uno dei migliori antibatterici naturali, con attività sia batteriostatica sia battericida. I germi più sensibili alla sua azione sono: stafilococchi, streptococchi (germi responsabili delle infezioni delle vie respiratorie più frequenti nei bimbi) Escherichia coli, Pseudomonas aeuriginosa. La propoli ha inoltre azione antivirale (Herpes virus Adenovirus e Rinovirus), e antimicotica (specialmente su Candida Albicans). Non si può, poi, non menzionare l’azione immunostimolante della propoli, la quale aumenta la resistenza dell’organismo contro virus e batteri, stimolando l’attività leucocitaria. Queste proprietà rendono la propoli un buon coadiuvante nelle patologie da raffreddamento, nelle influenze, nelle infezioni del cavo orofaringeo ma anche nelle infezioni labiali da Herpes simplex.

In commercio si trovano varie formulazioni di propoli: la soluzione idroalcolica e l’estratto secco (indicati per gli adulti), la soluzione idroglicerica, la soluzione decerata, lo sciroppo, lo spray e diverse tipologie di compresse effervescenti (indicate per adulti e bambini). Per i soggetti allergici è importante scegliere la propoli decerata perché è priva di polline.

L’efficacia della propoli è dose dipendente ed è quindi molto importante scegliere la giusta formulazione e non esagerare con la quantità da assumerne, evitando il fai-da-te e affidandosi sempre all’erborista di fiducia.

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

Una pianta indiana in nostro aiuto...

Bambini-su-prato-verde.jpgLa bronchite asmatica e la rinite allergica sono patologie molto frequenti e spesso invalidanti nei soggetti più deboli. Incidono inoltre negativamente nella società in termini di giorni di assenza dal lavoro e da scuola in quanto patologie che spesso cronicizzano.

I cardini della terapia sono costituiti da corticosteroidi soprattutto nasali, Laba (broncodilalatori a lunga durata di azione) e antistaminici.

Spesso però la terapia non è ben tollerata dalla popolazione sia per gli effetti collaterali che si possono manifestare nell’assunzione cronica di questi farmaci, sia perché spesso non riescono a contenere efficacemente la sintomatologia specialmente nelle riacutizzazioni periodiche delle patologie.

Da queste considerazioni nasce l’esigenza di trovare una strategia multimodale più efficace, eventualmente comprensiva di preparati fitoterapici selezionati in base agli utilizzi tradizionali e alla composizione del fitocomplesso.

Ed è qui che ci viene in aiuto una pianta indiana, la Boswelia serrata, già segnalata nella medicina ayurvedica come antinfiammatorio.

Gli studi recenti hanno evidenziato il potere immunomodulante e broncodilatante di questa gommoresina che si dimostra un efficace coadiuvante della terapia ordinaria.

Definizione: la gomma della Boswellia è una resina di gomma disidratata nell’albero Boswelia serrata Roxb. ex Colebr.(Burseraceae)

Sinonimi: Boswelia glabra Roxb., Boswelia thurifera (Colebr.) Roxb.

Distribuzione geografica: originaria dell’India

Descrizione: albero deciduo di grandezza intermedia fino a diciotto metri di altezza e 2,4 metri di diametro. Foglie imparipinnate, ovate o ovato-lanceolate.

Fiori piccoli, bianchi, in racemi ascellari o in pannocchie. Drupe lunghe dodici millimetri, trigoni, rossi da giovani, diventano bianchi con la maturità.

Corteccia spessa e aromatica. Al taglio, trasuda una secrezione che diventa simil-gommosa con l’esposizione all’aria.

Droga: resina gommosa disidratata

Caratteri generali: la gomma solidifica lentamente col tempo. Di colore marrone rosso, giallo Verde, o giallo-arancione. si trova sotto forma di lacrime piccole, ovoidali, fragranti. Talvolta le lacrime formano masse di agglomerati lunghe cinque centimetri e spesse due centimetri. La struttura fragile, la superficie fratturata, ha l’aspetto della cera ed è translucente. Brucia rapidamente ed emana un odore resinoso balsamico caratteristico.

Proprietà organolettiche: odore aromatico, caratteristicamente balsamico; sapore gradevole.

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

Scopriamo i prodotti naturali per l’igiene dei nostri bambini

natura.jpg

Come naturopata che lavora tanto anche con i neonati e bambini, mi capita spesso di “sconsigliare” molti prodotti per l’igiene del bambino pubblicizzati su riviste o dalla televisione.

Questo perché spesso molti prodotti alla moda denominati “dolci o naturali” sotto forma di saponi, bagni schiuma o creme per il corpo in realtà possono creare uno squilibrio nel ph della pelle davvero delicata. Come “alternativa” consiglio di usare prodotti caserecci e molto meno costosi come:

- bicarbonato di sodio - amido di riso - olio di mandorle dolci - avena colloidale - l’uso di piante fitoterapiche come la camomilla o alcuni olii essenziali L’uso di questi prodotti molto conosciuti possono essere ottime alternative per uso non solo esterno ma anche interno: aggiungere un cucchiaio di bicarbonato all’acqua del bagnetto serale associato a un cucchiaio di amido di riso e una goccia di olio essenziale di lavanda può giovare non solo alla pelle in caso di irritazioni come la classica dermatite da pannolino, ma anche a promuovere un buon riposo grazie all’azione della lavanda in aromaterapia.

Per il bagnetto è ottima anche l’avena colloidale cioè avena che macinata finemente viene ridotta ad una polvere finissima e leggera che aiuta anche in caso di pelle secca o punture di insetti. La stessa camomilla, utilizzata come bevanda sotto forma di infusi o tisane grazie alle sue proprietà sedative calmanti e antispasmodiche può essere usata anche sotto forma di olio essenziale (ne basta una goccia nel bagnetto) o in olio di mandorle per favorire il rilassamento e il sonno notturno e anche per calmare i doloretti a livello gastrointestinale attraverso un massaggino circolare in senso orario all’addome. Come tradizione insegna, potete usare anche una garza intinta nell’infuso di camomilla tiepido per rimuovere le piccole secrezioni che si possono osservare intorno agli occhi dei bambini, quando sono raffreddati o lenire un inizio di congiuntivite.

Il prodotto che non può certo mancare soprattutto nelle case di genitori con bambini è l’olio di mandorle dolci che può essere utilizzato non solo come idratante dopo il bagnetto o per massaggi con o senza una goccia di olio essenziale (in base alle necessità e all’età del bambino), ma anche per prevenire arrossamenti da pannolino, per bagni oleosi (ne basta un cucchiaio nella vaschetta) ma anche per proteggere i capelli (soprattutto se lunghi e ricci) da salsedine o cloro o sole e in questo caso è bene metterne una piccola quantità sulle mani e massaggiare sulle punte prima del bagno o dell’esposizione al sole. Ottimo anche sulle labbra come “balsamo labbra”.

a cura dott.ssa Alessandra Cremonini
biologo nutrizionista, etologo alimentare, naturopata, esperta in alimentazione psicosomatica

 

Medic-Internet: istruzioni e avvertenze sull’uso del web per la ricerche in tema di Salute

computerLa ricerca di informazioni in tema di Salute è piuttosto complessa: si cercano risposte a domande che riguardano aspetti spesso delicati e variabili da individuo a individuo. L’elevata disponibilità di informazioni presenti sul web fanno apparire Internet come uno strumento in grado di fornire le risposte giuste in tempi rapidi. Si accede a un generico motore di ricerca, si digitano le parole chiave associate all’argomento di interesse e si analizzano i risultati.

Quante volte, al termine di lunghe ricerche, abbiamo avuto il timore di una malattia più grave di quella che sospettavamo all’inizio?

Se le ricerche sul web in ambito di Salute fossero una medicina andrebbero segnalati i seguenti effetti collaterali: rischio di un’alternanza di stati d’animo contrapposti (frustrazione, soddisfazione, timore, speranza,…) accompagnati dall’assunzione di ruoli di vario tipo (medico esperto, malato immaginario, sciamano,…).

Non avendo il dono di rendere le vostre navigazioni meno emozionanti, in questo articolo proverò a fornirvi qualche spunto per renderle almeno più efficaci.

Per iniziare una ricerca, limitando i risultati solo ai siti che garantiscono all’utente un’alta qualità delle informazioni pubblicate, si può impiegare il motore di ricerca specializzato della fondazione “Health On the Net” (link di HON: www.hon.ch/HONcode/Search/search_it.html): sebbene la pagina web sia in inglese, digitando le parole chiavi all’interno della casella centrale, i primi risultati che compariranno saranno relativi a siti italiani. Tali siti sono conformi a una serie di linee guida che HON ha definito in termini di affidabilità e imparzialità di quanto pubblicato. Successivamente a questa prima analisi, si può anche completare la ricerca tramite motori non specializzati (es. Google): l’aver consultato precedentemente siti di alta qualità vi agevolerà nell’individuare quelli più affidabili tra i molti che vi saranno proposti.

Una volta trovate le informazioni di interesse è molto importante rivolgersi e confrontarsi con il medico di base o uno specialista.

Come prenotare una visita quando si ha poco tempo da dedicare alle code allo sportello o al telefono?  Il sito iDoctorsconsente di prenotare le visite mediche online in modo piuttosto semplice anche tramite smartphones. E se invece si ha bisogno di un consulto online allora un sito di riferimento è www.medicitalia.it

Quali sono le migliori strutture sanitarie alle quali rivolgersi? La risposta è indubbiamente complicata e i fattori che influenzano il confronto e poi la scelta sono molteplici.

Vi segnalo il sito www.doveecomemicuro.it in cui è presente un sistema di classificazione delle strutture sanitarie secondo i livelli di qualità assistenziale. E’ un sito redatto da soggetti privati e non da autorità pubbliche e pertanto non può essere ritenuto una fonte ufficiale: in ogni caso mi sembra ben fatto, facile da usare e trasparente nella metodologia impiegata.

Avete bambini in casa e volete un sito semplice dove trovare le principali informazioni per la loro salute (cosa avere in casa, cosa fare in caso di,…): sul sito di GuidaGenitori c’è una sezione piuttosto pratica (www.guidagenitori.it/Minisiti/emergenzapediatrica/home.html). 

Rimanendo in tema di Salute e Bambini, perché non usare il web come strumento per ripassare le principali tecniche di primo soccorso? Attenzione: ho usato volutamente il termine ripassare perché consiglio caldamente di partecipare a un vero e proprio corso. In questo caso si può andare su YouTube (www.youtube.com), inserire le chiavi di ricerca opportune (es. “primo soccorso bambini”) e poi visualizzare i vari video: consiglio di leggere anche i commenti ai filmati per valutarne l’attendibilità. Inoltre evidenzio anche una serie di video che la Croce Rossa ha  predisposto su un canale tematico del Corriere della Sera (http://video.corriere.it/salute/pronto-soccorso-pediatria/index.shtml).

Potrei aggiungere all’elenco molti altri siti interessanti, ma penso sia più utile chiudere con una riflessione.

Sebbene Internet consenta di acquisire nuove e più approfondite conoscenze e abbia tutte le potenzialità per divenire un valido strumento grazie al quale orientarci in tema di Salute, c’è ancora molta strada da percorrere per rendere disponibili agli utenti informazioni affidabili, poco superficiali e maggiormente orientate al caso del singolo individuo.

Allo stato attuale, è opportuno che la navigazione sia condotta dotandosi di una buona dose di capacità di discernimento, pazienza e buon senso, ricordando sempre di accompagnare la ricerca con il confronto con gli specialisti del settore. Alla prossima! •

a cura dott. Antonio Di Napoli
ingegnere informatico

Siamo sicuri che sia davvero una buona abitudine igienizzare e sbiancare tutta la casa?

pulizie.jpg

L’igiene, sia personale che della nostra casa, è fondamentale per mantenerci in buona salute.

La casa è l’ambiente in cui trascorriamo più tempo, il luogo dove mangiamo, dormiamo e giochiamo con i nostri figli e prendendocene cura ci prendiamo anche cura di chi vi abita.

Soprattutto quando in casa ci sono bambini, è normale preoccuparsi della disinfezione di mobili, giochi e vestiti, spesso però ci si dimentica che l’igiene è sì fondamentale, ma “casa pulita” non significa casa igienizzata e priva di germi e di batteri poiché far vivere un bambino in un mondo sterile gli impedisce di produrre anticorpi e questo gli nuocerà da adulto.

Gli spot pubblicitari mandano messaggi fuorvianti e spesso spingono i genitori ad acquistare prodotti profumanti, sbiancanti, igienizzanti nell’illusione di garantire una “pulizia ottimale e sicura”, solo a fini di marketing. In realtà questi prodotti contengono sostanze sì efficaci, ma spesso tossiche e poco o nulla biodegradabili, che non tengono conto né della salute di bambini e adulti, dell’ambiente.

Questi prodotti lasciano inquinamento tossico in casa, che i nostri bambini subiscono toccando gli oggetti e respirando l’aria, con il rischio di sviluppare forme allergiche anche gravi. Infatti la tossicità di ogni sostanza aumenta al diminuire del peso della persona: i bambini, che pesano meno di un adulto, subiscono molti più danni. Ma come trovare il giusto compromesso?

Con alcuni semplici accorgimenti si può rendere la casa un luogo pulito e sicuro...

puliamo quotidianamente: è il primo trattamento contro germi e batteri.

Se non lasciamo accumulare lo sporco, i batteri semplicemente non proliferano oltre misura.

lasciamo fuori dalla porta abiti da lavoro e scarpe, sono i primi veicoli dello sporco di casa nostra.

arieggiamo sempre i locali: al mattino, dopo aver cucinato, durante e dopo le operazioni di pulizia. Negli ambienti poco arieggiati l’umidità crea le condizioni ideali per la proliferazione di acari (responsabili di molte allergie), funghi, muffe e tarme.

esponiamo regolarmente cuscini, trapunte e coperte all’aria e al sole, anche nel periodo invernale. Aria e sole uccidono gli acari.

Riduciamo i tipi e le quantità dei prodotti per la pulizia domestica.

Spesso è possibile utilizzare ingredienti semplici e naturali con il risultato di avere una casa pulita ad un costo più basso, senza inquinare l’ambiente e proteggendo la nostra salute. Per le superfici plastiche è ottimo l’aceto di vino, anche per il suo effetto deodorante. Una soluzione di acido citrico al 10-15% elimina efficacemente il calcare, è un’alternativa all’ammorbidente per il bucato e al brillantante nella lavastoviglie. Per i biberon, fino a 8-9 mesi, è sufficiente lavarli col bicarbonato e bollirli per 10 minuti. Dopo si possono lavare con un cucchiaio di sale grosso, uno di bicarbonato e acqua calda.

La saliva è già un buon disinfettante e nello stomaco c’è un potente disinfettante, l’acido cloridrico, quindi nel corpo abbiamo già i nostri “disinfettanti” naturali.

se dobbiamo usare un detergente, scegliamo prodotti con marchio Ecolabel (o ICEA, AIAB, CCPB enti privati che garantiscono la parziale origine da agricoltura biologica dei detersivi): riducono i rischi per la salute, comprese irritazioni a pelle e occhi.

Inoltre, leggiamo l’etichetta e atteniamoci alle istruzioni, usare una quantità maggiore di prodotto non migliora i risultati, anzi.

per l’igiene personale prediligiamo detergenti molto delicati e ricchi in emollienti, privi di allergeni e di ftalati, anche solo una saponetta delicata all’olio extravergine d’oliva può essere utilizzata per la pulizia quotidiana di grandi e piccoli.

a cura dott.ssa Laura Magnani
farmacista

 

Allergie: meglio non auto-diagnosticarsele!

mamma_allergia.jpg

L’allergia è probabilmente la patologia più comunemente auto-diagnosticata: sovra-diagnosticata dal paziente e sotto-diagnosticata da medici e specialisti. L’aumento delle allergie è stato proporzionale all’aumento degli standard igienico-sanitari della seconda metà del secolo scorso.

Ciò ha portato a diverse teorie secondo le quali il nostro sistema immunitario ha smesso via via di confrontarsi con malattie di origine parassitaria ed ha iniziato a “utilizzare” per le allergie quegli anticorpi usati prima per i parassiti.

Qualunque sia stata la causa, le organizzazioni di tutela della salute pubblica cercano continuamente di chiarire la confusione sull’argomento. Da qui è nata la necessità di fare una distinzione terminologica che possa chiarire fenomeni apparentemente collegati, ma in realtà molto differenti.

Cominciamo con definire xenobiotici (dal greco xénos, estraneo) tutte le sostanze estranee all’organismo con cui esso viene in contatto. Tali sostanze possono causare diversi effetti biologici, benefici e/o indesiderati. Spessissimo si tratta di una miscela di entrambi. L’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica (EAACI) ha classificato le reazioni avverse agli xenobiotici a seconda dei meccanismi fisiologici scatenanti. Una reazione avversa a un farmaco o un alimento dovrebbe essere denominata ipersensibilità. Tuttavia, quando è dimostrato il coinvolgimento di meccanismi immunologici, il termine appropriato è allergia. Tutte le altre reazioni, in precedenza denominate “intolleranze”, dovrebbero essere classificate come ipersensibilità non allergiche.

L’allergia non è altro che una risposta immunologica sproporzionata agli xenobiotici che, ora, possono essere ulteriormente classificati come allergeni. Un allergene è di solito una proteina Comunemente si dice che si ha un allergia alle arachidi o ai gatti, ma in realtà l’allergia è solo ad una proteina presente nelle noccioline o nella saliva felina. Le ipersensibilità, invece, non allergiche non riguardano il sistema immunitario ma la carenza e/o assenza di un enzima. Ne è un classico esempio l’intolleranza al lattosio, in cui la riduzione fisiologica di funzionalità dell’enzima lattasi porta a disturbi gastrointestinali dopo il consumo di latte. Essendo la diagnosi delle allergie complessa, la raccolta di informazioni sia familiari che personali risulta fondamentale per valutare in modo corretto i risultati delle successive prove da parte dello specialista.

Il compito del medico è prendere in considerazione il rapporto tra rischi e benefici che un certo farmaco potrà avere per poi prescriverlo.

a cura dott. Luca Puntillo
farmacista

 

Regali sicuri per Natale? si, grazie!

mamma_bambino_regali.jpgQuesto periodo dell’anno è sinonimo di Natale e il pensiero va ai nostri bambini che, nonostante la crisi, troveranno i loro doni sotto l’albero!

La scelta di un giocattolo deve soddisfare caratteristiche ben precise ed è necessario prestare la massima attenzione: giocattoli sicuri: i bambini mettono tutto in bocca, per loro è un modo per conoscere e, durante la dentizione, anche per dare sollievo alle gengive. I primi giochi sono morbidi: paperelle e pesciolini per il bagno, libriccini, massaggiagengive... ma per rendere morbida la plastica spesso vengono usate sostanze chimiche che sono tossiche.

Il PVC o cloruro di polivinile è pericoloso per fegato e reni. Il PVC contiene bisfenolo A, dannoso per numerosi apparati tanto che l’Unione europea ne ha vietato l’uso nei biberon e ridotto drasticamente il limite della quantità concessa nei giocattoli.

Anche le vernici della colorazione devono essere assolutamente atossiche. Importante assicurarsi che la struttura del gioco, le parti piccole, come gli occhi o il naso dei peluches, siano saldamente attaccati; giocattoli giusti per l’età del bambino: sulla scatola deve essere indicata l’età. E’ compito di chi regala attenervisi, per non mettere a rischio il bambino e anche perché non si divertirà con un gioco troppo complicato per la sua età. La scatola del gioco può diventare pericolosa: lacci e sacchetti di plastica vanno eliminati subito; giocattoli etici: attenzione alla fabbricazione dei giocattoli! Molte grosse aziende trasferiscono in Cina la produzione perché la manodopera costa meno, a scapito delle condizioni dei lavoratori che spesso sono bambini... sfruttati, mal pagati e costretti a lavorare in condizioni pessime; non troppi: fa piacere vedere il bimbo felice ma, non riempitelo troppo!

Il Natale potrebbe diventare l’occasione di fargli sperimentare il piacere di donare, regalando qualche gioco ancora “giocabile” che non usa più alle tante associazioni sul territorio che li distribuiranno a ospedali, case famiglia, scuole, bambini immigrati, ecc...

Come capire se siamo di fronte ad un gioco sicuro?

E’ fondamentale non acquistare “in strada”, molto meglio comprare in negozi specializzati e farmacie che trattino prodotti di aziende certificate che riportino sulla scatola il marchio CE, a rispetto delle norme di sicurezza europee, marchio da non confondere con il CE di Cina Export!! Questo consentirà anche di evitare di incappare nelle imitazioni, esteticamente uguali ma che non danno le stesse garanzie di sicurezza e durata nel tempo.

Per un giocattolo destinato ai bambini vale il detto: “pochi ma buoni”! Quando farete le compere di Natale, tenete presente queste poche indicazioni, sono fatte con il cuore da una farmacista che è anche una mamma... Buon Natale a tutti i lettori di Girotondo e alle loro famiglie!

a cura dott.ssa Laura Magnani
farmacista

 

Olii essenziali: un po’ di attenzione con i bimbi...

farmaci-galenici.jpgGli oli essenziali sono il prodotto del metabolismo secondario della pianta, sono sintetizzati e immagazzinati da speciali cellule in varie parti della pianta: fiori, foglie, frutti, semi, radici ecc…

Quando sono ancora nelle pianta vengono chiamate essenze, diventano oli essenziali solo quando sono estratti dalla pianta per mezzo di distillazione o altre forme di estrazione.

Molteplici sono le attività farmacologiche dimostrate degli oli essenziali: stimolano le funzioni di molte ghiandole esocrine dell’apparato digerente, presentano attività antiinfiammatoria, antispastica della muscolatura liscia e interessanti proprietà antimicrobiche.

Nel periodo invernale possono esserci utili gli oli essenziali di Timo, Lavanda e Origano che sono potenti antibatterici oppure gli oli essenziali di Eucalipto Menta e Pino in quanto balsamici. Quello che spesso però si sottovaluta nell’utilizzare queste sostanze è che, pur essendo preziose per le numerose attività farmacologiche che presentano, possono essere molto tossiche e a volte letali, soprattutto nei bimbi, vanno quindi usati con molta cautela. In generale nei bimbi mai utilizzarle in tisane, o in acqua bollente per suffumigi perché la loro inalazione può provocare laringospasmo. Evitare i diffusori con oli essenziali nella camera dove il piccolo dorme.

Nei neonati da 0-12 mesi l’uso degli oli essenziali deve essere limitato al trattamento di specifiche condizioni. Evitare pomate e gel contenenti Canfora e non utilizzare pomate o gel balsamici contenenti Menta Eucalipto Rosmarino nel petto o vicino alle narici del piccolo perché possono provocare problemi respiratori. Possono essere però massaggiati nella pianta dei piedi.

Da 6 a 18 mesi è possibile utilizzare gli oli essenziali nel massaggio nella quantità di 1-2 gtt in dieci ml di olio vegetale (evitando sempre la canfora e non applicando Eucalipto Menta e Rosmarino nel petto o vicino al viso ma nella schiena e nella pianta dei piedi) e nel bagnetto, mai puri ma diluiti nel latte (evitando Menta Eucalipto e Canfora e gli irritanti).

Da 18 mesi a 5 anni è possibile utilizzare gli oli essenziali nel bagno o nel massaggio, utilizzando un massimo di 3-4 gocce, evitando del tutto gli oli irritanti.

Il consiglio quando si utilizzano queste sostanze o prodotti che le contengono è sempre di evitare il fai da te ma di affidarsi a erboristi competenti in materia perché pur essendo un ottimo aiuto per i malanni di stagione possono avere effetti indesiderati importanti.

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

 

Bambini sempre stanchi? scopriamo il perchè...

bambina_stanca.jpgCambio di stagione, allergie, virus, infezioni virali, alcuni tipi di disturbi immunitari, anemia, abitudini alimentari sbagliate, vita sedentaria, stress problemi cardiaci e depressione: sono queste alcune delle principali cause di stanchezza.

Generalmente un po’ di riposo extra può aiutare ma quando il bambino ha un prolungato bisogno di dormire anche dopo un adeguato riposo, è bene individuarne le cause. È necessario quindi monitorare per qualche giorno il bambino per poi contattare il pediatra che potrà così individuare la causa scatenante e determinare una corretta diagnosi e cura. La stanchezza è un malessere che può colpire anche i bambini più vivaci. Può essere uno stato temporaneo oppure se più persistente, un sintomo da non sottovalutare. Soprattutto durante il periodo dello sviluppo, i bambini possono presentare degli episodi di stanchezza eccessiva.

Possiamo riconoscere il tipo di stanchezza? La necessità di riposo è il principale sintomo: il corpo reagisce facendo sbadigliare e chiudere gli occhi frequentemente e rallentando di molto la velocità con cui si compiono le attività quotidiane. Sicuramente, la stanchezza non è da sottovalutare, soprattutto se compare tutti i giorni: potrebbe trattarsi di un disturbo o di un’infezione.

Se notate che il bambino è stanco, non vuole giocare, ha sempre sonno, o ancora inizia a soffrire di enuresi e dice di avere mal di testa potrebbe trattarsi di una stanchezza derivante da un fattore psicologico. E qui incidono molto i rapporti e la convivenza in casa, e quindi tensioni e litigi ma anche incapacità di relazionarsi con gli altri bambini. Se riuscite a capire che questi fattori possono essere la causa della stanchezza, l’unica cosa che potete fare è quella di stare più vicino a vostro figlio, fargli tante coccole e tenerlo lontano da malumori tra le mura domestiche.

Se il bambino si sveglia già stanco ed è più lento nel fare i compiti, mettendoci dentro anche l’inappetenza e la svogliatezza non è grave se ci troviamo in un cambio di stagione e non dobbiamo preoccuparci più di tanto, i bambini come gli adulti sentono molto i cambiamenti climatici. Vi sono tuttavia dei rimedi, o meglio delle regole da seguire, prima tra tutte quella di mantenere invariata l’ora della nanna, di preparargli una colazione completa, in modo da avere tutte le energie per affrontare al meglio la giornata. Se invece la stanchezza è dovuta all’influenza, il malessere durerà solo qualche giorno e comunque dopo la cura magari a base di antibiotici, è meglio rinforzare il bambino con delle vitamine.

Una volta consultato il pediatra, potete offrire al bambino un’alimentazione composta da più frutta e verdura, carne bianca, pesce, riso, in modo da ridargli le energie perdute.

Se il bambino è pallido in viso, ed è anche affetto da debolezza, potrebbe trattarsi di anemia, ovvero da una carenza di ferro. Anche qui va consultato il pediatra che valuterà se è il caso o meno di prescrivere un esame di controllo per appurare il valore del ferro nel sangue al quale potrà seguire la prescrizione di una dieta mirata e/o degli integratori a base di ferro.

Infine se l’estrema stanchezza dura per sei mesi o più, può essere diagnosticata dal pediatra la sindrome da stanchezza cronica (CFS).

Ovviamente il trattamento dell’eccessiva stanchezza è il più delle volte sintomatico, dipende cioè dal tipo di disturbo che lo provoca. E’ comunque sempre molto importante seguire uno stile di vita all’insegna del benessere, con una buona e sana alimentazione (ricca di cereali integrali, proteine, vitamine) e praticare attività fisica regolare.

a cura dott.ssa Maria Luisa Chillemi
farmacista

 

Sport e primo soccorso... in aiuto ci viene l’omeopatia

bambini_gioco20.jpgContratture muscolari e dolori indesiderati possono essere conseguenza di attività sportiva, soprattutto se non affrontata con una preparazione fisica graduale e costante.

Fortunatamente l’omeopatia ci offre un valido aiuto sia nelle piccole traumatologie che nelle preparazioni agli sforzi muscolari con l’utilizzo sia sulla zona da trattare, sia per via orale di numerosi medicinali omeopatici.

Un grande aiuto ci viene dall’arnica montana che possiamo usare tranquillamente anche per i nostro bambini. Questa pianta della famiglia delle composite, nota fin dal 1600 come panacea dei traumi fisici, contiene principi attivi che hanno un’azione specifica sui muscoli e sui capillari: migliorano l’irrorazione sanguigna e riducono l’effetto doloroso dell’acido lattico, prodotto dai muscoli quando sottoposti a sforzi eccessivi.

Nella preparazione all’attività sportiva, gli specialisti possono consigliare granuli o compresse omeopatiche di arnica a bimbi in età scolare, ma anche agli adulti, assumendoli già qualche giorno prima dell’inizio degli allenamenti e proseguendo la somministrazione in base alla necessità.

L’uso di arnica in gel a pronto assorbimento o in crema per impacchi locali e’ utilissimo per accelerare la guarigione poiché permette il riassorbimento più veloce degli ematomi e migliora gli indolenzimenti muscolari.

Questi stessi prodotti vengono consigliati anche nei traumi dei bimbi più piccoli che non possono usare creme antidolorifiche tradizionali. L’unica precauzione importante sta nel non applicare né il gel né la crema a base di arnica sulle ferite aperte perché possono provocare irritazioni.

Qualora ci dovesse essere una ferita aperta è consigliabile una diluizione di calendula per la pulizia della cute lesa.

L’omeopatia è utile anche in caso di fastidiosi crampi muscolari, è infatti disponibile una crema a base di rame (cuprum metallicum) volendo abbinabile all’arnica per sfruttare al meglio l’effetto sinergico dei due prodotti. Il rame e’ conosciuto da sempre per la sua attività antidolorifica e decontratturante.

Se a subire un trauma sono invece i tendini o i legamenti si utilizzano granuli a base di ruta graveolens o di rhus toxicodendron, quest’ultimo solo se al trauma è associato il senso di indolenzimento legato alla ripresa dei movimenti stessi.

Nei “traumi psicologici” possiamo ricorrere al gelsemium se è presente la paura di mettersi alla prova nelle varie attività sportive e la poca fiducia nelle proprie capacità se invece è la fretta di concludere, con ansia di anticipazione e poca costanza nella preparazione è consigliabile argentum nitricum.

a cura dott.ssa Giovanna Porisini
farmacista

 

C’era una volta... la propoli!

fiori_bach.jpgLa nostra storia sulla Propoli incomincia d’estate: quando la maggior parte di noi è in vacanza e le api lavorano per produrla! A partire da agosto, le api trasformano con la loro saliva le resine raccolte dagli alberi, aggiungendo cera, polline ed enzimi, fino a creare questa sorprendente sostanza che è la Propoli!

Le api la usano per proteggere e sigillare il loro alveare durante l’inverno sia dal freddo che da virus e batteri che potrebbero far ammalare le api stesse e le loro larve.

Proprio dall’osservazione dell’utilizzo della Propoli da parte delle api è nato l’impiego in medicina fino a ricoprire oggi un posto molto importante tra i prodotti naturali con proprietà curative e medicamentose. È uno dei migliori antibatterici naturali, efficace nei confronti di numerosi ceppi di streptococchi responsabili di un gran numero di patologie invernali che vanno dalle banali faringiti alle più pericolose polmoniti. Oltre a rinforzare l’azione di molti antibiotici, ha ottime proprietà antinfiammatorie, funghicide e antivirali può essere, infatti, usata anche su herpes e virus influenzali.

In generale è consigliabile assumere la Propoli già dai primi sintomi e proseguire per almeno 7-10 giorni e può anche essere associata agli antibiotici prescritti dal pediatra.

Se afte, stomatiti, mal di gola si fanno sentire, sono utili gli spray orali senza alcool, spruzzati più volte al giorno a cui aggiungere le caramelle aromatizzate alla frutta, entrambe a base di Propoli. Quando, invece, raffreddore, influenza, sintomi simil-influenzali fanno la loro comparsa, è meglio lo sciroppo, che permette di ottenere un’azione antinfiammatoria e disinfettante più diffusa, o l’estratto totale senza alcool, da somministrare a gocce.

La Propoli può anche venir respirata grazie ai diffusori ambientali che permettono di respirarne la parte più piccola riproducendo l’aria naturale e benefica del bosco, ottenendo così un prolungato effetto antibiotico e antinfiammatorio, utile anche in caso asma bronchiale e allergica.

La Propoli, di solito ben tollerata, va impiegata con cautela e su consiglio del medico se il bambino ha avuto gravi reazioni allergiche a farmaci o ad alimenti (soprattutto prodotti derivanti dall’alveare) e non va usata in caso di allergie al polline o al veleno d’api o nei bambini con meno di due anni.

Non dimentichiamo però che la qualità della materia prima utilizzata, anche in questo caso è molto importante, per questo è sempre bene affidarsi ai suggerimenti del vostro farmacista di fiducia. Smettiamo allora di aver paura delle api e anzi ringraziamole per questo dono così prezioso!

a cura dott.ssa Laura Magnani
farmacista

Pappa reale: l’energia che ci regalano le api

api.jpgCon l’inizio della scuola e la ripresa delle attività extrascolastiche, l’esigenza di aiutare i nostri piccoli ad affrontare le loro nuove sfide si fa sentire a gran voce …

Ed è qui che ci vengono in soccorso le nostre amiche api, con la loro produzione di Pappa Reale... ma cos’è in effetti Pappa Reale?

È una sostanza gelatinosa, per questo definita anche “gelatina reale”, dal colore bianco-giallognolo a riflessi perlacei, astringente in bocca e dal sapore acidulo, simile a quello dello yogurt, ma anche leggermente zuccherino.

La Pappa Reale è il prodotto di una secrezione delle ghiandole ipofaringee e mandibolari delle api nutrici, cioè quelle che, nel succedersi determinato dall’età delle funzioni dell’alveare, hanno tra i 4 e i 15 giorni di vita. Costituisce il nutrimento esclusivo di tutte le larve di api dalla schiusa al terzo giorno di vita, per quelle larve destinate a diventare regine, il nutrimento a base di Pappa Reale continua fino al loro quinto giorno di vita larvale (il momento in cui la cella viene opercolata e lo sviluppo avviene come in un bozzolo). L’ape regina, invece, si nutre di Pappa Reale per tutta la durata della sua vita.

I benefici della pappa reale sono in primo luogo nutritivi, energetici e metabolici, infatti oltre ad essere tonificante, immunostimolante e favorire l’insorgere dell’appetito, viene consigliata:

- per sostenere il corpo durante i cambi stagionali; - in periodi di stress e di sforzo fisico e mentale; - in caso di depressione (in questi casi possono giocare un ruolo particolare l’acetilcolina e le vitamine del gruppo B);

- durante le convalescenze o in occasione di periodi di ospedalizzazione; - come stimolante del metabolismo; - per bambini prematuri o con deficienze nutrizionali e pazienti anziani.

La pappa reale si trova in commercio fresca, liofilizzata, in miscela col miele e con altri prodotti dell’alveare, in pillole, capsule, lozioni, creme, unguenti, shampoo ed emulsioni, ma il solo uso che raccoglie un’unanimità di consensi è quello della pappa reale fresca, che si conserva bene per 10-12 mesi a una temperatura tra 0 e 5 gradi. In questo caso assicuriamoci sempre che il prodotto sia di origini Italiane, poiché essendo un prodotto fortemente instabile potrebbe perdere molte delle sue caratteristiche se costretto ad un lungo viaggio.

La pappa reale non ha grosse controindicazioni ma come tutti i prodotti apistici non va somministrata sotto l’anno di età per rischio Botulino.

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

 

Facciamo chiarezza fra Omega 3, 6, 9...

pillole.jpg

Nonostante la grande diffusione di questi prodotti, non tutti sanno di cosa si tratti esattamente e la disinformazione fa da padrona. Da un punto di vista chimico, sono lipidi o più semplicemente acidi grassi, appartenenti alla grande famiglia che comprende sostanze molto differenti tra loro, come gli oli, i grassi animali o il colesterolo. Gli omega quindi si trovano in natura negli oli e nei grassi vegetali ed animali che quotidianamente consumiamo. Nello specifico, gli omega 3 e gli omega 6 sono considerati grassi essenziali, poiché il nostro organismo non è in grado di produrli, è quindi indispensabile assumerli con la dieta, per evitare di incappare in serie carenze nutrizionali.

Sembrerebbe tutto molto semplice: basta scegliere i giusti alimenti ed il gioco è fatto! In realtà la situazione è più complessa. Di fondamentale importanza è il rapporto tra omega 3 ed omega 6, che dovrebbe variare tra l’1 a 1 e l’1 a 4. Considerando che, le principali fonti di omega 3 sono i pesci dei mari freddi ed i semi di lino, mentre quelle più comuni di omega 6 sono legumi, frutta secca e oli di semi, nelle diete occidentali il rapporto medio stimato è di circa 1 a 10. Questo dato ci fa notare come sarebbe buona pratica aumentare il consumo di pesce azzurro nell’arco della settimana. Nel caso in cui questo non fosse possibile, potrebbe essere una buona idea fare ricorso ad integratori alimentari che garantiscono un buon equilibrio tra omega 3 ed omega 6. Questo discorso è valido per chi necessita di integrazione per prevenire patologie coronariche, ipertensione o diabete di tipo 2 (il tipo più diffuso, non necessita di insulina ed è più frequente nella terza età). Sono inoltre riconosciute le capacità di questi acidi grassi di: intervenire nella reazione infiammatoria come i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), di fungere da protettori della mucosa intestinale e di diminuire la sensibilità verso gli allergeni alimentari, cutanei e respiratori.

Gli omega 9, di contro, non sono considerati essenziali, poiché il nostro organismo è in grado di sintetizzarli a partire da altri acidi grassi insaturi, inoltre l’acido oleico, il più noto omega 9, è piuttosto comune nella dieta mediterranea sottoforma di olio d’oliva. La loro presenza negli integratori risulta comunque indispensabile per equilibrare il rapporto tra omega 3 ed omega 6.

Ecco spiegato il perché di tanto parlare di integratori a base di omega 3, 6 e 9, non solo per quanto riguarda l’alimentazione, ma anche in ambito medico e sanitario.

a cura dott.ssa Maria Luisa Chillemi
farmacista

Fiori di Bach: un rimedio efficace per tutti !

fiori_bach.jpg

I fiori di Bach, estratti floreali che curano gli stati d’animo negativi responsabili del nostro malessere interiore e fisico, sono stati definiti da Bach stesso “Lanterne per l’anima”.

Scoperti da Edward Bach, medico inglese molto affermato, intorno al 1920, i fiori di Bach riequilibrano psiche e corpo, divenendo chiavi di apertura e di sblocco per le nostre risorse interiori, che spesso tralasciamo, non abbracciamo o nascondiamo.

Mi sono avvicinata a questa realtà sedici anni fa, con scetticismo, ma sentivo di poter provare: al massimo non facevano nulla! In realtà lo stupore e la gioia sono stati grandi nello scoprire che “si era sciolto qualcosa”. Nasce così la mia passione per la Floriterapia, non solo per i fiori di Bach, ma anche per i fiori californiani, australiani e tutti i rimedi alternativi, passione che poi sono riuscita trasformare in professione: quella dell’Operatore Olistico.

L’operatore olistico è un facilitatore del benessere che utilizzando diversi strumenti, tra i quali anche i fiori, aiuta lapersona a ritrovare il proprio benessere psicofisico. I fiori aiutano e sostengono le persone nei momenti difficili, restituendo loro armonia, migliorano aspetti di sé, sono accessibili a tutti, compatibili con altri tipi di cure, non hanno controindicazioni, sono sicuri e possono essere assunti anche da persone allergiche. I Fiori di Bach, medicina dolce e alternativa guarda la parte sana del paziente ed agisce nell’interezza della persona senza fermarsi solo alla malattia.

E’ un trattamento semplice e naturale e può essere utilizzato fin dai primi giorni di vita, ad esempio per superare il trauma della nascita e l’entrata nel mondo, o per aiutare la mamma dopo il parto.

Proprio alle neo mamme mi sento di consigliare “star of bethlehem”, un bellissimo fiore, che aiuta a superare i traumi emotivi, le angosce e riporta il libero fluire delle emozioni, rilassando mentalmente ed emotivamente.

Utile per superare gli shock e i traumi anche sul piano fisico. Usato localmente aiuta a diminuire lividi e cicatrici.

Lo sapevate che i fiori possono essere utilizzati anche sul corpo? Io stessa durante i trattamenti olistici preferisco le miscele con oli essenziali ed essenze floreali per aiutare maggiormente le persone nello scioglimento delle proprie problematiche ottenendo ottimi risultati. E possono essere usati su persone, animali e piante… ovviamente i fiori di Bach o californiani non sostituiscono terapie mediche nè sostituiscono il parere del medico.

I fiori lavorano con noi per aiutarci a ritrovare equilibrio e ci aiutano a riscoprire il passo dell’armonia e della felicità.

a cura di Claudia Ciarrocchi
operatore olistico

Facciamo scorta di vitamina D con tanti bagni di sole!

bambini_gioco_13.jpg

La Vitamina D si presenta in due forme chimiche Vitamina D3 o colecalciferolo che si produce naturalmente negli uomini e negli animali, specialmente nel pesce, e viene immagazzinata nel fegato.

Sotto l’influenza dei raggi solari, viene sintetizzata nello strato superficiale della pelle, a partire da un derivato del colesterolo (il 7-deidrocolesterolo) Vitamina D2 o ergocalciferolo, che viene ricavata artificialmente in laboratorio ed è usata per arricchire i cibi di vitamina D.

In natura, è contenuta in quantità ridotte in alcuni alimenti quali i pesci grassi, le aringhe, gli sgombri, le sardine, il tonno, ma la maggior parte della vitamina D che circola nel sangue è però sintetizzata nella nostra pelle quando questa è esposta al sole.

E’ sorprendente la rapidità con la quale la luce solare induce all’assimilazione di vitamina D: con soli 6 giorni di esposizione occasionale, il sole può compensare ben 49 giorni di non esposizione, infatti durante i periodi di esposizione, la vitamina D viene immagazzinata nel fegato per poi essere gradatamente rilasciata nel periodo di non esposizione.

La più risaputa e principale funzione biologica della vitamina D è mantenere normali i livelli di calcio e fosforo nel sangue e favorisce l’assorbimento del calcio contribuendo a formare e mantenere le ossa forti. Ma dagli ultimi studi sono emerse molte più funzioni biologiche come ad esempio si è rilevato che nei bambini in età scolare, l’assunzione di questa vitamina riduce le probabilità di contrarre malattie ed influenze stagionali, motivo per cui la miglior prevenzione per i malanni invernali è di tenere i bimbi all’aria aperta il più possibile.

La carenza di vitamina D è più comune di quanto ci si potrebbe aspettare. Le persone che non ricevono abbastanza luce solare, sono particolarmente a rischio. Questo si verifica anche in zone soleggiate, perché si rimane per molto tempo in casa o in ambienti comunque chiusi, o, anche quando ci si espone al sole, si ricorre all’utilizzo di creme solari quando non necessario. A tal proposito, ha una notevole importanza anche la scelta dei solari con cui proteggiamo i nostri piccoli.

Utilizzare sempre una protezione troppo alta può essere controproducente in termini di assorbimento di Vitamina D. Il mio consiglio è scegliere il fattore di protezione in base all’età del bimbo e al suo fototipo e di esporre i piccoli al sole nelle ore più sicure per non dover utilizzare fattori protettivi troppo alti, ma di fare scorta di Vitamina D facendo stare i nostri bimbi al sole almeno 15 minuti al giorno… e buona estate a tutti!

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

Sereni in casa con i nostri amici animali...

bambine_animali.jpgSempre più spesso tra le mura domestiche, fanno capolino i musetti di cani e gatti (ma anche conigli, furetti e altri animali) che diventano a tutti gli effetti veri e propri membri della famiglia. Piacevole compagnia per una persona anziana o sola, divertenti e fedeli amici per tutta la famiglia, sono, per i bambini in particolare, importante stimolo per la crescita affettiva e psicologica. Nel caso dei più piccoli, l’amico “a quattro zampe” è in grado di essere un fantastico compagno di giochi e di scambi di affettuosità capace di intendersi senza alcun bisogno di parole. Per i bambini più grandi, l’essere coinvolti in alcune semplici incombenze sarà utile al fine di responsabilizzarli nel prendersi cura di un altro essere vivente.

Ma gli animali domestici possono trasmettere alcune infezioni soprattutto ai bambini al di sotto dei 5 anni, alle donne in stato di gravidanza e alle persone il cui sistema immunitario è stato compromesso da qualche malattia che potrebbe permettere a batteri, virus, parassiti e funghi che gli animali trasportano, di trasmettersi all’uomo tramite graffi, morsi o con il contatto con saliva o deiezioni dell’animale. Per vivere al meglio la convivenza è quindi necessario che gli animali vengano mantenuti in buona salute e ben curati. Fondamentale diventa rispettare il calendario vaccinale e portarli dal veterinario periodicamente per visite di controllo ed eliminare i parassiti eventualmente presenti. Per allontanare pulci e zecche (i parassiti più comuni) si possono usare antiparassitari facendo particolare attenzione alle modalità d’uso per evitare fenomeni tossici nell’animale e nell’uomo.

Si trovano sotto forma di spray o fialette spot-on che forniscono una protezione prolungata o che interferiscono con il ciclo riproduttivo delle pulci.

E’ consigliabile utilizzare gli spray, oltre che sull’animale, anche su tappeti e moquette. Le uova e i parassiti adulti possono infatti sopravvivere anche nell’ambiente e costituire una fonte di reinfezione per l’animale. Prestare attenzione ai collari antiparassitari poiché contengono sostanze insetticide e non sono l’ideale se l’animale gioca con i bambini. In questo caso si possono utilizzare repellenti naturali a base di oli essenziali, altrettanto efficaci ma non tossici.

Ricordarsi di seguire scrupolosamente le normali regole igieniche lavandosi spesso le mani, soprattutto dopo aver accarezzato la bestiola e prima di sedersi a tavola. E’ utile lavare accuratamente le ciotole contenenti il cibo e le vaschette per l’acqua con acqua molto calda. È opportuno sostituire spesso la sabbia delle lettiere dei gatti, allontanando gli escrementi, e pulire di frequente e a fondo cucce, brande, gabbie. Una volta alla settimana è utile passare un disinfettante.

Curare la sua alimentazione utilizzando regolarmente cibo di elevata qualità magari consigliato da un nutrizionista animale (chiedete dei consigli al vostro veterinario) e fornendo sempre molta acqua fresca. Evitare di nutrire l’animale con carne cruda.

Tenendo presente queste semplici regole e affidandovi ai consigli del vostro veterinario e del vostro farmacista di fiducia, avere in casa un amico “a quattro zampe” potrà solo essere un’esperienza positiva per tutta la famiglia!

a cura dott.ssa Laura Magnani
farmacista

Rimedi naturali per curare e gestire l’allergia al gatto di casa

bambina_fiori.jpgL’allergia al pelo degli animali è abbastanza frequente e spesso costringe intere famiglie a rinunciare alla compagnia di cani e gatti. L’allergia al pelo del gatto è causata da una proteina (FEL D1) contenuta nella saliva dell’animale. L’allergene si deposita nel pelo quando il gatto si lecca e da qui viene disperso nell’ambiente circostante (tappeti, divani, vestiti, ecc…). Queste particelle microscopiche rimangono sospese nell’aria e inalate dalle persone causando la classica sintomatologia: starnuti, congiuntivite e più raramente dermatiti e prurito. Nei soggetti maggiormente sensibili i sintomi allergici possono essere anche più gravi e accentuati.

E’ possibile continuare la convivenza con il nostro amico felino se siamo allergici? Per rispondere a questa domanda meglio consultare medico e allergologo che daranno il loro parere in base alla sintomatologia. Se scopriamo che è proprio così, possiamo attenuare i sintomi con qualche accorgimento come, ad esempio, non toccare la lettiera con le mani, ma indossare un paio di guanti e una mascherina protettiva. Diventa fondamentale tenere puliti ed igienizzati gli spazi di uso comune e non fare soggiornare il gatto nella camera da letto, che dovrà risultare spazio neutrale dove poter respirare e dormire serenamente. Evitare, dove possibile, l’utilizzo di tappeti e moquette.

Il micio dovrà essere pulito e spazzolato con più frequenza e con prodotti specifici e anche in questo caso la fitoterapia ci viene in aiuto con più rimedi come ad esempio l’olio di Perilla: una pianta erbacea conosciuta in Cina e introdotta successivamente in Giappone, dove è utilizzata anche come ortaggio. Le attuali conoscenze scientifiche consentono di utilizzarla come fonte di acidi grassi polinsaturi Omega 3, inoltre gli studi clinici hanno confermato il ruolo degli estratti di Perilla nel trattamento di molte patologie allergiche: dalla dermatite atopica all’asma bronchiale. Questo perché riduce moltissimo la produzione di Istamina responsabile del fastidioso prurito al naso della rinite e del bruciore agli occhi tipico delle allergie. Pur agendo come antistaminico naturale, non ha gli effetti collaterali degli antistaminici di sintesi. Si utilizza l’estratto o l’olio di cui assumere 1 perla a prima colazione e 1 perla a cena per cicli terapeutici di circa un mese serenamente ripetibili nel corso dell’anno. L’estratto però deve essere privo di perillaldeide, potenziale costituente allergizzante, e di chetoni. Può interagire con farmaci ipotensivi. Utile l’abbinamento anche ad altre piante come la Rosa Canina, l’Adatoda (Adhatoda Vasica) o l’Eufrasia (Euphrasia officinalis).

Insomma, prima di allontanare il nostro amato gatto da casa, proviamo i rimedi che la natura ci offre!

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

 

Cos’è e come può aiutarci l’Haloterapia

sale-haloterapia.jpgViviamo in una realtà dove gli effetti collaterali del benessere quali il traffico, l’inquinamento e gli sbalzi di temperatura diventano le principali cause di irritazione al naso, gola e vie respiratorie e provocano infiammazioni, infezioni virali e malattie acute come raffreddori ricorrenti, tosse, asma, bronchite, allergie.

Un valido aiuto per ridurre questi effetti negativi è sicuramente dato dall’Haloterapia. Si tratta di un metodo naturale non invasivo, che sfrutta le innumerevoli proprietà del sale, permettendo così al nostro organismo di respirare benessere in un ambiente salutare. Il sale è un validissimo alleato per il nostro apparato respiratorio e la nostra pelle: è un ottimo mucolitico, antibatterico, antinfiammatorio, igroscopico e i suoi benefici sono noti sin dai tempi dell’antichità.

All’interno della stanza del sale viene riprodotto un particolare microclima caratterizzato da temperatura e umidità costanti. La permanenza all’interno di una stanza di sale permette di godere di innumerevoli benefici, respiriamo attraverso la nostra pelle ed i nostri polmoni micro particelle di puro sale di miniera che vengono poi assorbiti tramite le vie respiratorie e i pori della pelle… quali soni i benefici? Il cloruro di sodio inalato riesce a far funzionare al meglio quell’insieme di piccole ciglia di cui sono dotate le cellule che tappezzano le vie respiratorie e che trasportano il sottile strato di muco che le ricopre verso il cavo orale: si ottiene così una continua detersione dell’intero albero respiratorio. Nel muco, infatti, restano intrappolati virus e inquinanti atmosferici. Le sedute nella grotta di sale oltre a curare malattie dell’apparato respiratorio come asma, catarro, sinusite, bronchite laringite, sono utili anche a chi soffre di malattie dermatologiche, allergie e stress. Ogni seduta corrisponde a tre giorni di mare.

Chi può entrare nella grotta di sale? Bambini, adulti, anziani gestanti, sportivi. Non ci sono restrizioni, non essendo un trattamento medico. Tuttavia, si consiglia di rivolgersi al proprio medico se si hanno particolari dubbi. Nel corso della seduta si sta comodamente seduti coccolati da musica e filmati rilassanti.

I bambini possono guardare cartoni animati e giocare con il sale disposto sul pavimento come fosse sabbia.

Durante la seduta si gode anche dei benefici effetti della cromoterapia, una terapia naturale, adatta a tutti, basata sull’effetto terapeutico dei colori sulla psiche e sull’organismo. I giochi di luce che si creano all’interno della grotta rendono la seduta estremamente piacevole e rilassante. Non a caso, da qualche anno il reparto di otorinolaringoiatria del policlinico di Bari si è dotato di una grotta di sale, dove vengono trattati pazienti in età pediatrica con varie patologie del tratto respiratorio… allora perché non provare?

a cura di Maria Sindoni
consulente in haloterapia

 

Scopriamo insieme la fitoterapia per le malattie di stagione da raffreddamento

fitoterapiaCon l’arrivo dell’autunno puntualmente ecco ripresentarsi nei nostri bimbi le fastidiose malattie da raffreddamento che vanno dalla rinite alla faringite, dall’otite all’influenza vera e propria.

Per fortuna la fitoterapia ci viene in aiuto con molte piante officinali sia in termini di immunostimolazione (aumento delle difese immunitarie) sia in termini di sollievo della sintomatologia. La pianta cardine dell’ inverno è la Rosa Canina: I frutti sono conosciuti per la ricchezza di vitamina C molto più biodisponibile di quella di sintesi.

Ciò la rende un valido e apprezzato aiuto nella prevenzione e nel trattamento delle affezioni invernali a carico dell’apparato respiratorio. Se la somministrazione avviene in autunno aiuterà ad affrontare meglio la stagione invernale, se avviene in concomitanza o post antibioticoterapia contribuirà ad evitare le ricadute dopo tale trattamento!

L’Echinacea è la pianta per la quale, relativamente all’attività stimolante, vi sono più studi scientifici pubblicati. Le sue radici costituiscono un fortissimo rimedio vegetale contro l’influenza. Oltre alla proprietà immunostimolante l’Echinacea ha proprietà antiinfiammatoria, antivirale e antibatterica (olio essenziale).

Alleati in questo ambito sono anche gli olii essenziali, due fra tutti, l’olio essenziale di Timo e l’olio essenziale di Eucalipto.

Il Timo ha dimostrato azione spasmolitica e antitussiva, il timolo ed il carvacrolo presenti nel suo olio hanno infatti effetto rilassante della trachea e sull’ileo. Ha dimostrato inoltre una spiccata attività antibatterica anche su ceppi di origine clinica di Staphylococcus aureus. L’olio essenziale di timo, per via inalatoria, è indicato quindi in caso di rinofaringite, sinusite, bronchite

asmatiforme, raffreddore, influenza, tosse, mal di gola.

L’olio essenziale di Eucalipto può essere utilizzato nelle inalazioni o nei suffumigi, in massaggi localizzati al torace (sopra i 6 anni di età) e, in maniera più ridotta nei bagni (4-5 gocce ma solo nel breve termine), per raffreddori con congestione e catarro, tosse, bronchite cronica, faringite, congestione nasale e sinusite. Può essere anche mescolato con altri oli essenziali balsamici.

Un aiuto importante che viene utilizzato in fitoterapia anche se non è propriamente un fitoterapico è la Propoli, questo prezioso prodotto apistico è un materiale resinoso, profumato, ottenuto per raccolta ed elaborazione enzimatica da parte delle api di materiale vegetale prelevato dai fiori.

Le api utilizzano la propoli come sostanza cementante la struttura dell’arnia e del favo, mentre gli artigiani di un tempo la utilizzavano per verniciare strumenti musicali. Oggi invece è diffusamente impiegata come rimedio di prima scelta nell’automedicazione per le alte vie respiratorie.

Sperimentalmente a carico dalla propoli sono state dimostrate attività antiflogistica, attività antivirale, attività batteriostatica e attività antiradicali liberi.

La fitoterapia in questi e tanti altri casi può esserci di aiuto ma ricordiamo di affidarci sempre a persone competenti nel settore.

 

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste floripratiche

 

L'autunno è alle porte... curiamo lo stile di vita, la salute e l'alimentazione

bambina e verdureLa ripresa o l’inizio della scuola può causare nei bambini situazioni di disagio, così come negli adulti quando riprendono le loro attività lavorative dopo un periodo di vacanza.

Oltre all'aspetto emotivo del cambio di stagione c'è anche quello climatico. I primi freddi aprono la porta a virus e batteri “regalando”, soprattutto ai più piccoli, raffreddori e tosse. Per non dover subito ricorrere a farmaci veri e propri si può “giocare d'anticipo” e fare un po' di prevenzione autunnale.

La più semplice ma efficace è quella che si può fare rinforzando le naturali difese dell'organismo.

Visto che proprio la microflora intestinale riveste un ruolo fondamentale per le difese immunitarie, via libera ai fermenti lattici per tutte le età. Qualche mese di fermenti (disponibili in gocce o polveri insapori da miscelare ad acqua o pappe),consentiranno di mantenere sane le colonie di batteri "amici" assicurando una valida difesa contro batteri e virus, anche nei bambini più piccoli in situazioni delicate come l'inserimento al nido o alla materna.

Anche l'omeopatia e la fitoterapia offrono validi rimedi preventivi; Echinacea, Rosa Canina (fonte naturale di vitamina C) e Ribes Nigrum rinforzano il sistema immunitario e contengono l'infiammazione. Sono disponibili in gocce, meglio se senz'alcol per i piccolissimi, da diluire in due dita di acqua al mattino. Per i dosaggi e consigli su altri rimedi più specifici è consigliabile rivolgersi all'omeopata o al farmacista di fiducia.

Un’ altra arma da sfruttare contro virus e batteri è la Propoli, l'antibiotico delle api funziona anche per noi ed è un ottimo antinfiammatorio. L'unico accorgimento è che, essendo potenzialmente allergizzante, è meglio non somministrarla ai bambini al di sotto dei due anni, soprattutto in caso di predisposizione allergica o allergia vera e propria verso il polline. Sono situazioni abbastanza rare, ma da tenere presenti. 

Alimentazione: con l’autunno alle portesono da preferire cibi di stagione ricchi di vitamine, frutta fresca, verdure fresche, zuppe di verdure e legumi, cereali integrali (riso, orzo, farro ma anche quinoa e amaranto) limitando invece i latticini e gli zuccheri semplici che aumentano la produzione di muco. Al mattino è importantissimo non saltare la colazione, anche perché uscire di casa con qualcosa nella pancia consentirà a noi e ai nostri bambini di affrontare meglio la giornata. Arricchiamola con agrumi, kiwi e frutta secca come le mandorle, e avremo a disposizione sostanze antiossidanti che contribuiscono a mantenere le mucose integre e resistenti agli attacchi virali.•

a cura dott.ssa Laura Magnani
farmacista

Vacanze, natura, vita all’aperto… semplici accorgimenti per i nostri bambini

bambini all'aria apertaE' arrivata la bella stagione! Con i nostri bimbi passiamo molto più tempo all'aperto e questo comporta l'avere qualche attenzione in più.

Non solo in vacanza ma anche in giardino o al parco vicino a casa qualche inconveniente può capitare, dal ginocchio sbucciato al pizzico di un insetto molesto, per cui cercherò di dare qualche utile indicazione.

Il consiglio è quello di avere sempre con se cerotti di varie misure, salviette disinfettanti, ghiaccio istantaneo in busta e un post-puntura da applicare il prima possibile in caso di puntura d'insetto. Se stiamo partendo per le vacanze, la nostra valigetta del pronto soccorso dovrà contenere anche garze sterili (non il cotone che può lasciare fibre nella ferita), una crema per riassorbire eventuali lividi o per traumi (un gel a base di arnica è perfetto), una crema cicatrizzante per facilitare la guarigione delle abrasioni o dei tagli più profondi e una benda elastica per fasciature.

Per quanto riguarda eventuali punture di insetti si rende necessario avere un repellente. Per bimbi sotto l'anno è preferibile limitarsi ad usare le zanzariere su lettini e passeggini oppure  ricorrere ai cerottini a base di citronella da applicare sui vestiti.  Per bimbi più grandicelli vanno bene i braccialetti alla citronella e le salviette umidificate a base di estratti di piante naturalmente repellenti (citronella, geranio). Solo sopra i 2 anni si possono iniziare ad usare prodotti a base di insetticidi anche se nei bambini è sempre preferibile l'uso di prodotti naturali. Oltre al repellente serve un post-puntura tipo le “penne” e roll-on senza ammoniaca o i gel e le creme a base di estratti vegetali lenitivi. A volte alcuni insetti provocano ponfi infiammati e dolorosi per cui i rimedi classici non sono efficaci. Solo in questo caso si può ricorrere all'uso di creme cortisoniche e antibiotiche.

Bella stagione vuol dire anche sole! Il sole fa bene ma sono d'obbligo crema solare e dopo-sole per tutti! Ricordiamo che sotto i due anni di età va evitata l'esposizione prolungata e diretta nelle ore più calde. Da non dimenticare cappellino, occhiali da sole e soprattutto l’utilizzo di creme con massima protezione contro i raggi UVB, responsabili delle scottature, e i raggi UVA responsabili dei danni a livello cellulare. Fino ad ora ho parlato di accorgimenti legati prettamente a situazioni all'aperto ma ricordatevi di portare sempre con voi termometro e tachipirina, per far fronte ad una febbre improvvisa, fermenti lattici per mal di pancia o diarrea, gocce anestetiche e antinfiammatorie per le orecchie, perché un colpo d'aria o l'acqua nelle orecchie dopo un bagno in mare o in piscina possono provocare dolorose otiti.

A questo punto voi dovete solo aggiungere costume, scarponi, giochi e un buon libro e io augurarvi.... Buone vacanze!•

a cura dott.sa Laura Magnani
farmacista 

 

Approfondiamo insieme la conoscenza del farmaci galenici

farmaci galeniciA cavallo tra il secondo e il terzo secolo D.C. un medico dell’antica Grecia di nome Claudio Galeno ado- perava erbe medicinali e i loro estratti per curare individualmente ogni singolo malato. Il termine preparazioni galeniche vive ancora oggi per indicare dei farmaci creati “ad personam”. La dottoressa Maria Luisa Chillemi, specializzata in preparazioni galeniche ci introduce in questo mondo poco conosciuto. 

Cosa sono i preparati galenici? Sono dei farmaci o dei preparati fitoterapici che possono essere fatti in base alle esigenze della persona. Per la loro preparazione vengono usate formulazioni studiate per il singolo caso, quindi ogni paziente avrà il farmaco adatto alla propria esigenza. È in questo ambito che agisce il galenico. 

Qual’è la differenza tra officinale e magistrale? L’officinale è il prodotto che possiamo fare sotto forma di multiplo. Prendiamo ad esempio la vecchia formulazione della pomata canfosalicilica non più in commercio e contenente canfora, utile per la decontrazione muscolare o come antinfiam- matorio. Creata una certa quantità, viene venduta come farmaco officinale. Il galenico magistrale invece, fatto su ricetta medica è la preparazione creata per una singola persona. 

Quindi per il farmaco galenico magistrale c’è bisogno di una ricetta medica? Nove volte su dieci si. Dipende dalle sostanze presenti nella formulazione. Se si tratta di formulazioni che esistono sulla farmacopea uffi- ciale e che hanno uno standard, già decodificate e il cui principio attivo è di libera vendita, non c’è bisogno di ricetta medica. 

Quali sono i costi? Sono più o meno cari dei farmaci industriali?Spesso i preparati non sono costosi, a meno che non ci siano dei principi attivi particolari. Dipende dalla forma farmaceutica e da quanto è complicata la prepa- razione. Quelle officinali sono più economiche nove volte su dieci rispetto a quello che è l’analogo prodotto in commercio. Nel caso in cui il paziente ha bisogno di un prodotto particolare, il costo può alzarsi. 

Sono farmaci mutuabili? Assolutamente no. Nel 90% delle regioni italiane sono a pagamento. 

I farmaci galenici si possono fare in tutte le formulazioni (compresse, soluzioni, capsule). In campo pediatrico ad esempio si può adattare la forma farmaceutica ai gusti del bambino, dallo sciroppo alla gelatina. Si produce quindi il preparato galenico adeguando il prodotto ad personam. La stessa cosa avviene per gli animali. Soprattutto per i gatti, restii ad ingerire medicinali; abbiamo formulato capsule appetibili con all’interno il principio attivo e del liofilizzato di carne. Stessa cosa si può fare per un bambino che ha difficoltà ad ingerire medicine.

I preparati sono a base chimica oppure naturale? Si può fare qualsiasi cosa, dal prodotto naturale al chimico secondo indicazioni del medico. 

Tutte le farmacie possono produrre preparati galenici? Tutte le far- macie hanno il laboratorio interno e l’autorizzazione a creare preparazioni galeniche. Ovviamente bisogna seguire delle norme assicurando uno stan- dard di qualità. Per questo sono molto poche le farmacie che si adoperano in questa pratica. Quali sono le patologie più frequenti per le quali c’è richiesta di farmaci galenici? Abbiamo richieste per varie patologie ma quello che manca è il dialogo stretto tra medico e farmacista perciò cerchiamo di promuovere  una  collaborazione soprattutto con i pediatri.

I farmaci galenici sono utili ed efficaci quanto i farmaci industriali? Assolutamente si. Alcune volte anche di più soprattutto nel caso dei bambini. 

Sembrano tutti pro, c’è qualche contro? I contro sono le controindica- zioni tipiche del farmaco in quanto tale. A differenza del prodotto industriale che ha una scadenza lunga (anche 2-3 anni), la formulazione galenica si consuma subito, almeno quella magistrale, in quanto essendo preparato ad personam, viene prodotto senza conservanti né coloranti. Questo è un altro vantaggio del farmaco galenico soprattutto per chi ha bambini piccoli molto sensibili, intolleranti o allergici. La massima durata garantita per legge del preparato galenico officinale è invece di 6 mesi.•

a cura dott.ssa Maria Luisa Chillemi
farmacista

Alimentarsi correttamente creando il proprio stile di vita

alimentazione correttaQualche indicazione fondamentale e alcuni spunti da cui partire per creare il proprio “stile” alimentare perché, vero è, che nutrirsi correttamente è il pri- mo passo per godere di buona salute e, nel caso dei bambini, crescere bene. 

Tre sono i punti che vanno sicuramente presi in considerazione: qualità, quantità e varietà del cibo. Qualità: nella scelta del cibo preferiamo sempre prodotti di stagione, locali, meglio se biologici. Nei supermercati si trovano, in ogni momento dell’anno, tutta la frutta e la verdura possibile e immaginabile. Sono vegetali cresciuti in modo forzato, che hanno viaggiato per chilometri e che per questo sono stati trattati con quantità maggiori di antiparassitari e conservanti. Hanno inoltre perso vitamine e sali minerali diventando un cibo più “morto”. Se si consumano prodotti di stagione e possibilmente a km zero la qualità è automaticamente maggiore. Al giorno d’oggi è anche più facile reperire prodotti freschi di qualità, non solo nei supermercati del biolo- gico ma anche nella grande distribuzione e nei sempre più diffusi mercatini settimanali, dove piccoli produttori locali offrono frutta, verdura, miele, carne, uova biologici o da lotta integrata. 

Quantità: non eccediamo! I bambini si regolano piuttosto bene per cui non forziamoli a mangiare. Esagerare con le calorie nei primi anni di vita porta alla formazione di troppe cellule adipose che tendono a trattenere il grasso, per cui ci si troverà a lottare con il peso per tutta la vita. Piuttosto cerchiamo di cre- are un momento “positivo” in cui mangiare, spegniamo la TV e approfittiamo dell’occasione per due chiacchiere in famiglia. Se i nostri bambini rifiutano qualche cibo non è una tragedia, non colpevolizziamo noi e loro ma cerchiamo di aggirare l’ostacolo. Si potrebbe riprovare in un secondo momento, ma- gari presentando l’alimento in modo diverso o, ancora meglio, coinvolgendo i bambini nella preparazione del pasto per la famiglia. 

Varietà: portiamo a tavola la maggior varietà di cibo possibile. Abituare i bambini a gusti diversi e nuovi, con lentezza e gradualità, consente di fornire loro tutta la gamma di nutrienti necessari ad una crescita ottimale. La varietà inoltre, fa si che sia più difficile che si sviluppino intolleranze, fenomeno sem- pre più frequente anche nei piccolissimi. 

Ho parlato di “biologico” come requisito da ricercare nei cibi che consumiamo, questo perché spesso è garanzia di qualità migliore e comunque di assenza di contaminazione da pesticidi, fattore importante nel caso dei bambini che, in quanto organismi in rapida crescita, sono vulnerabili alle tossine. Però anche sul biologico vanno fatte delle considerazioni...

Mangiare biologico costa, in Italia, mediamente dal 30 al 35% in più rispetto al normale e anche nel biologico vengono a volte utilizzati ingredienti di scarso valore nutrizionale per cui è importante leggere l’etichetta, soprattutto dei pro- dotti confezionati. A questo punto sorge spontanea la domanda: “biologico si o biologico no?” Per le motivazioni indicate finora, la mia risposta è “bio- logico si!”, fondamentale però è informarsi.

Nutrizionisti, pediatri e, perché no? il farmacista di fiducia, sapranno darvi le indicazioni di base mentre per approfondire l’argomento sono ormai numerosi i testi, anche di facile lettura, disponibili nelle librerie anche on-line. Un aiuto prezioso viene anche dall’etichetta del prodotto. Ben visibile deve essere  il logo del biologico dell’Unione Europea,  la foglia su sfondo verde profilata da stelline. Questo è il marchio che garantisce ai consumatori l’origine biologica dello alimento dato che non può essere usato per i prodotti che contengano meno del 95% di ingredienti biologici. In etichetta compare inoltre il nome dell’ente certificatore (Bio Agri Cert, Codex, Suolo e Salute ecc.) che periodicamente effettua controlli e ispezioni sul prodotto finale e sull’intera filiera. Questi enti in Italia sono riconosciuti e a loro volta controllati, dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Con questi basilari accorgimenti sarà possibile orientarsi più facilmente nel mondo del biologico e godere di questo nuovo modo di approcciarsi al cibo, visto non più solo come mezzo per saziare ma come mezzo per crescere e vivere più sani.

Alcune letture per cominciare....

ABC dell'alimentazione naturale-Terra Nuova Edizioni

Bioricettario-Terra Nuova Edizioni

Svezzamento secondo natura-Terra Nuova Edizioni

Il tuo cibo dalla A alla Z- Tecniche Nuove Edizioni

Alimentazione naturale dallo svezzamento all'adolescenza-Tecniche Nuove Edizioni

Risparmiare con la cucina bio-Tecniche Nuove Edizioni

a cura dott.sa Laura Magnani
farmacista 

la disgrafia: riconoscere i segnali

giochi.jpgLa disgrafia rientra nell’ambito dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA): riguarda esclusivamente il grafismo, ovvero i segni e gli aspetti grafici, non l’ortografia né la sintassi, anche se può influire negativamente su di esse.

Leggi tutto

Quando la consulenza genetica è indispensabile?

bimbo_dottore_01.jpg

La consulenza genetica ci fornisce informazioni relative alle malattie genetiche, in termini di caratteristiche cliniche, prognosi, prospettive terapeutiche ed eventuale rischio di ricorrenza in famiglia, nonché ci suggerisce i test genetici ad esse correlate da fare.

Leggi tutto

Cosa succede nel mondo?

bimba_bolle_sapone_01.jpg

Quest’estate un gruppo di bambini giocava all’aperto, in montagna, inscenando una favola: c’era la principessa asserragliata nel castello, il mondo là fuori era pieno di pericoli… ma la principessa confidava nel salvatore che sarebbe arrivato di lì a poco.

Leggi tutto

Studio, bambini, DSA e metacognizione... cos’è?

AUTISMO.jpg

Leggendo le diagnosi dei nostri studenti D.S.A capita di trovare come consiglio di sviluppare un approccio metacognitivo allo studio. Questo, comunemente detto metodo di studio, è un approccio personale all’apprendimento utile non solo a studenti D.S.A.

Leggi tutto

Arti-terapie in riabilitazione

bambina vestita da clown

Le arti visive, la danza, la musica, l'attività teatrale, il raccontare storie, il folklore, le maschere e i burattini si rivelano un approccio molto stimolante ed efficace

Leggi tutto

Gioco e interazione sociale nel bambino con autismo

mamma e bimbo autistico

Con il termine “Gioco” in genere si indica una fondamentale caratteristica dell’essere umano. Se pensiamo al concetto di “gioco” immaginiamo qualcosa che sia divertente e spontaneo, un veicolo di interazione ma anche un modo per passare il tempo in solitudine.

Leggi tutto


L'Associazione riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui si riferisce
come Associazione